Le più belle canzoni di Pino Daniele

Musica

Le più belle canzoni di Pino Daniele

pino-daniele

Il cantautore partenopeo Pino Daniele aveva cinquantanove anni, di sicuro uno dei più apprezzati della musica italiana: era riuscito a raccontare la sua città, Napoli, come pochi altri hanno saputo fare, riscuotendo successo in tutto il mondo con le sue splendide melodie infarcite di blues. La sua morte improvvisa ha scosso la sua amata Napoli, ma non solo. La notizia è rimbalzata su tutti i siti e i giornali nazionali. Abbiamo raccolto quelle che, a nostro avviso, sono le più belle canzoni interpretate da Pino Daniele.

Cominciamo dall’album “Terra mia” del 1977, con il brano “Na tazzulella e cafè” che ben riassume il folklore tipico napoletano.

Sempre nello stesso album discografico del 1977 troviamo uno dei cavalli di battaglia dell’intero repertorio di Pino Daniele, un brano interamente dedicato alla sua amata Napoli, “Napul’è”.

Un’altra bella canzone di Pino Daniele, pure questa molto apprezzata dal suo pubblico, è “Basta ‘na jurnata ‘e sole”, un inno alla spensieratezza e all’ottimismo.

Nell’album “Nero a metà” del 1980 troviamo la famosissima “Quanno chiove”, conosciuta da adulti e giovani, il brano che ha lasciato un segno indelebile nella storia della musica italiana.

Nel 1991 è la volta dell’album “Sott’o sole”, nel quale è inclusa la colonna sonora del film con Massimo Troisi “Pensavo fosse amore invece era un calesse”, intitolata “Quando”.

Nel 1995 Pino Daniele incide l’album “Non calpestare i fiori nel deserto”: una delle canzoni più belle è sicuramente “Resta, resta cu’ mmè”.

Altri brani indimenticabili di Pino Daniele sono: “Alleria”, Je so’ pazzo”, “Anna verrà”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche