Le spiagge di Gela COMMENTA  

Le spiagge di Gela COMMENTA  

Gela è una delle più frequentate stazioni balneari siciliane; attrae bagnanti dalle province limitrofe con la sua costa, costituita di sabbia fine e dorata e caratterizzata dalle, sempre più rare, formazioni dunali ricoperte di macchia mediterranea.

Numerosi stabilimenti balneari, sparsi lungo tutta la costa sono stati creati nell’ultimo decennio. Le principali spiagge aperte alla balneazione (da est verso ovest) sono:

Lungomare Federico I di Svevia (compreso tra via Vespucci e il Giardino “Poseidon”): la spiaggia antistante il centro cittadino, protetta negli anni settanta con la creazione di barriere frangiflutti e aggiunta di sabbia di provenienza non gelese.

Lungomare Ovest (compreso tra il Club nautico e Piazza delle Tre Porte): costa con le tipiche formazioni dunali e preceduta da un boschetto di eucalipto (parco archeologico di Capo Soprano);

Viale Fontanarossa (Macchitella): la spiaggia antistante il verdeggiante quartiere residenziale di Macchitella, preceduta da un boschetto di eucalipto.

Puntasecca e Femmina Morta: la prima zona balneare raggiungibile dalla statale 115 Gela-Licata, preceduta in parte dall’argillosa collina di Montelungo che digrada sino alla pianura sottostante e all’interessante sito naturalistico di Poggio Arena, poco distante dallo stagno del torrente Rabbito;

Roccazzelle: vasta zona residenziale sviluppatasi alle spalle della costa sabbiosa.

L'articolo prosegue subito dopo

Manfria: la spiaggia simbolo della costa gelese, dominata dalla mole cinquecentesca della torre d’avvistamento sulla sommità dell’omonima collina. La zona riveste grande interesse paesaggistico ed archeologico. Piana Marina: la spiaggia adiacente al confine comunale con Butera, preceduta anche questa da una vasta zona residenziale, nei pressi della foce del Comunelli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*