Mai sentita la Conga?COMMENTA

 

La Conga è una danza cubana praticata dagli schiavi africani costretti a lavorare nelle piantagioni di canna da zucchero. Come al solito il ballo era performato da persone succube di prevaricazione per dimostrare ribellione,

o anche momenti di allegria a dispetto della vita grama che si abbatteva su di esse.

A seguito delle immigrazioni verso gli Stati Uniti, la Conga si propagò velocemente nel continente americano, e raggiunse il

Leggi anche: “La ballerina dello zar” di Adrienne Sharp

massimo della popolarità intorno agli anni ’30 con l’apertura del Conga Nightclub a New York. Nel ’39 Desi Arnaz la portò di nuovo agli onori delle sale da ballo. Verso la

Leggi anche: “Le quattro stagioni” di Mauro Astolfi

metà degli anni ’30 la Conga imperversò anche nei locali parigini.

Il ballo generalmente si performa in una fila; ognuno tiene le mani sui fianchi della persona che lo precede. Cominciando con

il piede sinistro si fanno tre passi e al quarto si tira un calcetto laterale o si fa una battutina. Poi si ricomincia con il piede destro e si ripetono gli stessi movimenti.

La Conga può essere ballata anche in

Leggi anche: “Non solo Bolero” di Mvula Sungani

coppia, con i ballerini uno di fronte all’altra che procedono in direzioni opposte. La coppia può eseguire la danza con scambio di mani o in maniera separata, oppure combinando i due stili in maniera alternata.

Leggi anche: “10′ di…Danza” su Rai Tre

loading...

Commenta per primo "Mai sentita la Conga?"

Commenta

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato

*