Mancini e Yaya Touré: crisi con l’Inter

Inter

Mancini e Yaya Touré: crisi con l’Inter

Mancini e Yaya Touré

Mancini e Yaya Touré, crisi con l’Inter. Il tecnico vede sfumare l’opportunità del giocatore in squadra. Con Suning “non parliamo la stessa lingua”.

Mancini continua a dare segni di vero malessere. Malessere che sfocia nella frustrazione per il futuro destino di Yaya Touré, giocatore che insegue ormai da un anno, e che desidera fortemente.

Mancini diffida da chi ha giudicato l’ivoriano in base alle sue prestazioni in Champions. “Yaya Touré è uno dei migliori centrocampisti al mondo. Uno come lui in Italia non l’ho mai visto. Chi lo giudica dopo quella semifinale di Champions con il city in cui non era nemmeno in forma, non capisce niente di calcio”.

Ma la società e Suning non sentono ragioni, l’ingaggio del giocatore è troppo alto. I rapporti tra il tecnico e la società neroazzurra sono sempre più tesi: “Ho incontrato la nuova proprietà una volta e per un’ora. È difficile così fare valutazioni, anche perché non parliamo la stessa lingua! Per tutti i tifosi la cessione è stata un passo importante, l’Inter merita di tornare a grandi livelli e avere grandi giocatori come è sempre stato”

Inoltre, alcune indiscrezioni vorrebbero Mancini come nuovo allenatore dell’Inghilterra.

L’allenatore ne è lusingato, e certamente non rifiuterebbe l’offerta, qualora gli venisse posta. Altro segnale di crisi tra tecnico e società.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche