Napoli. Al teatro Arcas “Non sono quello che sono” con Alfonso Paola

Cultura

Napoli. Al teatro Arcas “Non sono quello che sono” con Alfonso Paola

Il 16 e il 17 maggio alle ore 21.00 al Circolo Arcas Teatro va in scena “Non sono quello che sono”. Lo spettacolo è il personale omaggio di Alfonso Paola al pensiero dei poeti che più gli appartengono e a cui più appartiene. In uno spazio scenico dove tutto è organizzato nel maggior vuoto possibile, Alfonso Paola, che è autore, regista ed interprete dello spettacolo, vuole far rivivere e ricordare l’altra faccia del dolore: la bellezza. La bellezza come esca della crudeltà. Anche se l’interprete è solo in scena, lo spettacolo non è concepito come un semplice monologo, ma come un viaggio tra gli autori, le immagini, le emozioni, le suggestioni che hanno fortemente guidato e segnato il percorso artistico dell’attore. Dopo aver frequentato l’Accademia d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” con gli insegnamenti di grandi maestri come Marisa Fabbri, Luca Ronconi e Pino Passalacqua, per Alfonso Paola è avvenuto uno degli incontri fondamentali per la sua formazione artistica, quello con Leo De Berardinis con il quale ha lavorato per tre anni affiancandolo anche come aiuto regista.

Di seguito sono arrivati il cinema conSandro Dionisio, Velia Santella e Stefano Reali e la televisione con la partecipazione ad alcune puntate della fiction Rai “La Squadra”. Con “Non sono quello che sono” Alfonso Paola ritorna alla dimensione teatrale unendo alle sue passioni di sempre le esperienze degli ultimi anni.

Ingresso – € 10,00

Info e prenotazioni:

081 595 5531 – 329 46 46 601

Circolo Arcas Teatro

Via Veterinaria, 63 – Napoli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

pillar-capitals-2367488_960_720
Storia

I tre ordini architettonici greci

22 agosto 2017 di Notizie
Gli ordini architettonici  sono la più grande invenzione introdotta dai Greci nell'arte della costruzione. Tale invenzione risponde principalmente all'esigenza di eliminare qualsiasi forma di casualità nella realizzazione di un edificio.