Resident Evil: Damnation. Torna la computer graphic e gli zombies COMMENTA  

Resident Evil: Damnation. Torna la computer graphic e gli zombies COMMENTA  

Resident Evil: Damnation è un film in computer grafica prodotto da Capcom e Sony Pictures Entertainment Japan.

È il seguito di Resident Evil: Degeneration e sarà diretto da Makoto Kamiya e prodotto da Hiroyuki Kobayashi.

Leggi anche: Una poltrona per due: frasi celebri


La storia di Resident Evil: Damnation sarà incentrata su armi bio-organiche usate in una guerra in Europa e vedrà il ritorno di Leon ” caschetto biondo” S. Kennedy come protagonista, dopo il capitolo precedente e 3 videogames.

Leggi anche: Fuga da Reuma Park: cast e personaggi


L’uscita è prevista per quest anno, ma ancora non è stata divulgata la data.

Occhio ai teaser su youtube, questo è il trailer:

Leggi anche

Allora, c'è una due cavalli. Entra in un autosalone dove vendono Cadillac e si avvicina al venditore e gli fa: «Vorrei una Cadillac». Allora lei gli dice: «La prego, me la presenti. Vorrei quella grande, ultimo modello». Il venditore è allibito: «Scusi, perché gliela devo presentare?», «Perché me la voglio sposare!». E il venditore: «Ma perché ci tiene tanto a sposare una Cadillac?» E la due cavalli fa: «Io sono stufa di fare l'utilitaria. Io voglio che quando la gente mi vede dica: "Quella sì che è una signora macchina!"
Cinema

Una poltrona per due: frasi celebri

Ecco le frasi più celebri del film "Una poltrona per due", una commedia diretta da John Landis e anche un classico delle festività natalizie. "Una poltrona per due" è un film del 1983, diretto da John Landis. Racconta della vita di due uomini che si incroceranno: Louis Winthorpe III (interpretato da Eddie Murphy) è un agente di cambio molto ricco, che gode di tutti i privilegi: lavoro appagante, amici altolocati e una bellissima fidanzata, oltre ad una splendida villa, ottenuta con il lavoro presso la Duke & Duke. Billie Ray Valentine (interpretato da Dan Aykroyd) è invece un furbo imbroglione Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*