Come revisionare scatola sterzo

Motori

Come revisionare scatola sterzo

Come revisionare scatola sterzo

Tra i congegni fondamentali dell’auto c’è la scatola sterzo la cui manutenzione è una tappa importante e necessaria per una guida sicura.

La scatola sterzo si trova nel vano motore, fissata su una parte della scocca interna dell’auto. È composta da:

  • due assi snodati alle cui estremità ci sono dei gangli rotanti che si collegano con gli assi delle ruote;
  • un albero rigido (piantone dello sterzo) collegato al volante.

Quando e come fare la revisione

La scatola sterzo deve essere revisionata una prima volta a 60 mila chilometri di percorrenza del veicolo, tappa fondamentale in cui viene di solito effettuata una revisione completa dell’auto.

La verifica del buon funzionamento della scatola sterzo viene eseguita iniziando dal controllo visivo dell’aspetto esterno dell’intero congegno, osservando i seguenti elementi:

  • la presenza di ruggine nei punti di fissaggio;
  • l’eventuale allentamento dei dadi posti sulla base della scatola;
  • il livello dell’olio lubrificante presente nella scatola sterzo;
  • lo stato di usura delle tubazioni dell’olio dello sterzo che possono presentare microfessurazioni sulla superficie esterna (gomma telata).

I sintomi del cattivo funzionamento

Ci sono dei segnali che avvertono della presenza di eventuali danni della scatola sterzo: si possono udire dei rumori nel girare il volante, oppure notare delle perdite di olio sul terreno in cui sosta il veicolo.

A questo punto è necessario effettuare le seguenti manovre per un controllo più approfondito:

  • sollevare l’auto e posizionarla stabilmente su due puntoni, mettendola in sicurezza;
  • infilarsi sotto il veicolo e maneggiare l’albero collegato allo sterzo (piantone) per verificarne la mobilità: se è allentato e si sposta molto sul suo raggio c’è una rottura interna delle boccole;
  • aprire la scatola sterzo;
  • controllare minuziosamente l’albero dello sterzo (piantone) affinché non abbia lesioni;
  • controllare i giunti che collegano il piantone agli assi di rotazione delle ruote;
  • verificare lo stato di usura delle cuffie di gomma che ricoprono questi elementi (boccole, giunti, assi).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche