Roma, Spalletti: “Se la squadra non vince, sono il primo responsabile. E me ne andrò”

Calcio

Roma, Spalletti: “Se la squadra non vince, sono il primo responsabile. E me ne andrò”

Roma, Spalletti: "Se la squadra non vince, sono il primo responsabile. E me ne andrò"
Roma, Spalletti: "Se la squadra non vince, sono il primo responsabile. E me ne andrò"

Spalletti si gode la vittoria della Roma con l’Empoli. Ma sul suo futuro non esita: “Sono coerente: siamo fuori dall’Europa e incasinati in Coppa Italia”.

“Abbiamo giocato un primo tempo sotto livello, dove l’Empoli ha fatto meglio di noi. E’ stata una vittoria onesta con un risultato corretto. Con i 3 punti conquistati, abbiamo guadagnato qualcosa: o sulla Juventus o sul Napoli. Noi guardiamo sempre avanti. Ma dobbiamo anche stare attenti a non essere tamponati”. Parole di Luciano Spalletti che, dopo la vittoria con l’Empoli, è già proiettato al derby e fa dipendere il suo futuro in giallorosso dalla vittoria di un trofeo.

“Lui dice che resta solo se vince? Allora lo faccia e poi ne riparliamo”, ha dichiarato il direttore generale Mauro Baldissoni. Pronta la replica di Luciano Spalletti, anche se rivolta alla stampa: “Sembra che sia io a mettere i bastoni tra le ruote. Ma alla squadra ho detto e ripetuto che è forte e che deve vincere.

Se non ci riesce, mi prendo le mie responsabilità. Significa che non ho lavorato nel modo giusto e che non ho sfruttato tutte le qualità di questo gruppo. Perchè è una questione di coerenza: siamo usciti dall’Europa e ci siamo complicati la Coppa Italia. E’ un dato di fatto”.

Edin Dzeko, protagonista assoluto del successo della Roma sull’Empoli, ha segnato una doppietta ed è ufficialmente entrato nella storia giallorossa. Le 33 reti stagionali, infatti, gli permettono di diventare il giocatore che ha segnato più gol in una sola stagione, all’interno del club capitolino. Lo stesso Dzeko, però, si è fatto sntire non solo sul campo ma anche nel post-partita. Il bosniaco si è mostrato molto scettico sulla permanenza di Spalletti alla guida dei giallorossi: “Forse il mister se ne andrà anche se vinciamo – ha dichiarato Dzeko in un’intervista al quotidiano Il Tempo – Mi dispiacerebbe. E dispiacerebbe anche ai miei compagni. Perchè sono sicuro che, con lui al timone, il futuro la Roma è assicurato”.

Pronta la risposta di Spalletti, come sempre senza peli sulla lingua: “Dzeko ha detto che me ne vado anche in caso di vittoria? Non sono chiamato a rispondere a nessuno.

Non voglio destabilizzare la squadra. Perchè nessuno di voi sa quello che ho detto ai giocatori la prima volta che sono fatto ingresso nello spogliatoio. Voi non sapete tutto quello che ho modificato da quando sono arrivato qui. Voi non avete la più pallida idea di quelli che erano i nostri obiettivi a inizio anno. Per cui non si possono trarre conclusioni affrettate e non dovete creare confusione. Ora dobbiamo solo pensare al presente“.

E i presente si chiama derby. La Roma, infatti, dovrà giocare una sfida fondamentale contro la Lazio che è in vantaggio di 2 gol. Ma Spalletti è ottimista. “Dal punto di vista fisico – spiega – riusciremo a recuperare. Strootman sarà della partita e Paredes è in gran forma. Posso contare su di lui, se non recupero De Rossi. Grenier è ben inserito e Dzeko ha il morale alle stelle per i suoi due gol. “E’ una partita troppo importante – ha aggiunto il bosniaco – Abbiamo sbagliato all’andata e se prendiamo gol dobbiamo farne 4. Ma siamo forti e ci impegneremo al massimo per fare risultato”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche