Stanchezza, astenia da primavera COMMENTA  

Stanchezza, astenia da primavera COMMENTA  

1094-stanchezza

La sensazione di spossatezza, più o meno accentuata, che tutti provano con l’arrivo della bella stagione, è causata sia dall’incremento della luce diurna, dovuto al fatto che il sole tramonta più tardi, sia dall’innalzamento della temperatura esterna, tipico della stagione. Il cambio di stagione e, in particolare, il passaggio dal freddo dell’inverno al tepore primaverile richiedono, infatti, uno sforzo di adattamento da parte dell’organismo che può risultare affaticante.

Leggi anche: Rapa rossa sport: benefici molto utili


Tuttavia la stanchezza di primavera è un sintomo in un certo senso sano, poiché induce a riposare di più, ad allentare lo stress, a stare più attenti alla dieta, ossia a fare quanto è in proprio potere per aiutare l’organismo a superare meglio la fatica che gli viene imposta dalla necessità di adattarsi alle nuove condizioni climatiche. E’ dunque sufficiente sia per contrastare meglio la facile stancabilità che compare a primavera, sia eventualmente per prevenirla, attenersi ad alcun semplici accorgimenti anti-fatica.


 

Leggi anche

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum
Attualità

Maria Elena Boschi piange per la sconfitta al Referendum

Nel cuore della notte Maria Elena Boschi scoppia a piangere. E piange per l'esito del referendum costituzionale. Maria Elena Boschi (Montevarchi, 24 gennaio 1981) è una politica italiana, il Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e i Rapporti con il Parlamento con delega all'attuazione del Programma di Governo nel Governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Due lacrime scivolano sulle sue guance rosa facendo colare anche un po’ di rimmel. Piange in un comprensibile miscuglio di rabbia e delusione. Ecco, l’incredulità. Appena due anni fa, negli indici di gradimento, Maria Elena Boschi era il ministro più popolare del Paese: la madrina di ogni riforma compresa quella più importante, quella della Costituzione, e Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*