Summit di Atene: Tsipras e l’alleanza strategica con i paesi dell’Europa meridionale

News

Summit di Atene: Tsipras e l’alleanza strategica con i paesi dell’Europa meridionale

Summit di Atene: Tsipras e l'alleanza strategica con i paesi dell'Europa meridionale
Summit di Atene: Tsipras e l'alleanza strategica con i paesi dell'Europa meridionale

Tsipras ha invitato i leader italiani, francesi e portoghesi per formare un’ alleanza strategica. Questo venerdì le discussioni si concentreranno sulle questioni economiche.

François Hollande, Matteo Renzi, António Costa … un assemblaggio dei leader europei, a maggioranza social democratica, si ritroverà questo venerdì ad Atene per il “summit dei paesi mediterranei dell’Unione europea“. Alexis Tsipras, il primo ministro greco, da Syriza, il partito della sinistra greca, ha invitato i leader italiano, spagnolo, francese, portoghese, cipriota e maltese nella speranza di formare un’alleanza strategica. Mariano Rajoy, tuttavia, non si muoverà, in quanto non è riuscito a formare un governo.

“È urgente reagire

L’Europa è in pericolo di decomposizione“, ha avvertito il leader greco in un’intervista a Le Monde. Colui che ha scosso l’Unione europea nel 2015, vuole ora contrastare questa tendenza, proponendo dei rimedi “progressisti” per le tre crisi che agitano il continente: la crisi economica e sociale, la sicurezza e la migrazione. Dunque, nel programma dei dibattiti: gli investimenti, la crescita e il recupero; il terrorismo, le guerre in Siria e Libia, l’instabilità turca; l’accoglienza dei rifugiati, la politica migratoria dell’UE e la gestione delle frontiere. “È urgente reagire“, dice il diplomatico greco. A causa di tutti questi problemi, i paesi dell’Europa meridionale stanno lottando per far sentire la propria voce a Bruxelles , di fronte ai paesi del Nord Europa, Germania in testa.

Le discussioni dovrebbero concentrarsi sulla questione economica. In tutti i paesi partecipanti al summit, i tassi di disoccupazione sono alti (fino al 23,4 % per la Grecia), gli investimenti molto  bassi, così come la crescita. Secondo l’entourage di Alexis Tsipras, dobbiamo “invertire la logica“. Ma Grecia, Italia e Francia sono anche particolarmente indebitate. Inoltre, Atene ha iniziato un nuovo ciclo di negoziati con i creditori e ha bisogno di alleati; la Germania, intransigente, rifiuta una  ristrutturazione del debito del paese. “La questione del debito non è all’ordine del giorno“, ribatte l’entourage di Alexis Tsipras .

Uscire dall’isolamento 

Tuttavia, di questo si potrebbe discutere “a cavallo delle discussioni economiche”, o meglio “dietro le quinte”, secondo fonti diplomatiche. In Grecia, la firma del memorandum, il 13 luglio 2015, rimane un trauma. Isolato sulla scena europea nella prima metà dello stesso anno, il governo greco finì per firmare il documento, che elenca le politiche di austerità da applicare nel paese in cambio di un prestito di 86 miliardi di euro.

Nel corso dei negoziati, la mancanza di sostegno di cui disponeva il governo greco è stata evidente nel Consiglio europeo“, ha detto Christos Kanellopoulos, responsabile delle questioni europee per Syriza, a Liberation. Quindi dobbiamo creare un fronte politico che sia contro le misure di austerità, al fine di promuovere gli investimenti. La Francia, l’Italia, la Grecia e altri soffrono nella zona euro? Bene, tutti questi paesi potrebbero beneficiare di questa alleanza. “Inoltre, è necessario che le idee di sinistra promosse dal governo greco trovino un’eco più ampia nell’Unione Europea”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...