Trattativa Stato-Mafia: chiesto il rinvio giudizio per i 12 imputati

Catania

Trattativa Stato-Mafia: chiesto il rinvio giudizio per i 12 imputati

20130110-141056.jpg

Palermo – Il pm della Procura di Palermo Nino De Matteo ha chiesto il rinvio a giudizio per tutti gli imputati coinvolti nell’inchiesta sulla trattativa Stato-Mafia. La richiesta a termine della requisitoria del pm davanti al gup Piergiorgio Morosini. La richiesta di rinvio a giudizio riguarda i mafiosi Leoluca Bagarella, Totò Riina, Bernardo Provenzano, Giovanni Brusca, Antonino Cinà, l’ex ministro democristiano del Mezzogiorno, Calogero Mannino, il senatore del Pdl Marcello Dell’Utri e l’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino. Per quest’ultimo c’è solo l’accusa di falsa tetimonianza. Richiesta di rinvio a giudizio anche per il generale dei carabinieri Mario Mori, il pari grado Antonio Subranni e l’ex colonnello Giuseppe De Donno. Rinvio a giudizio, infine, per Massimo Ciancimino, figlio dell’ex sindaco mafioso di Palermo, Vito, che risponde, oltre che della trattativa, di concorso in associazione mafiosa e calunnia aggravata. Mancino ha chiesto il rito abbreviato. Il Gup deciderà in merito. I reati contestati sono quelli di attentato, con violenza o minaccia, a corpo politico, amministrativo o giudiziario dello Stato, tutto aggravato dall’agevolazione di Cosa nostra. Secondo l’accusa, il patto tra Stato e Mafia suggellato tra ex ministri e vertici di Cosa Nostra, con la mediazione di Marcello Dell’Utri avrebbe portato alla fine delle stragi, in cambio di un ammorbidimento del 41 bis

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...