Usa, Trump lancia il 'real news' su Facebook

Usa, Trump lancia il ‘real news’ su Facebook

Esteri

Usa, Trump lancia il ‘real news’ su Facebook

news
Usa, Trump lancia il 'real news' su Facebook

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump decide di lanciare un suo telegiornale, diffusore di real news da opporre alle fake news che troppo facilmente si diffondono nei media.

Trump dichiara guerra alle fake news

Le cosiddette fake news sono una delle problematiche attuali, ed ampliate dalla rete. Possono causare gravi fraintendimenti e disinformazione.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha intenzione di combattere le fake news con un suo vero e proprio notiziario, trasmesso proprio dalla sua Trump Tower a New York, attraverso il suo profilo Facebook. Il capo di stato americano intende così diffondere real news, notizie vere in contrapposizione con le fake. Un progetto che è finanziato dalla sua campagna per la rielezione nel 2020 e, secondo il Daily Beast, che cita fonti repubblicane, a gestirlo è Lara, moglie di Eric Trump e quindi nuora di Donald. A condurre il notiziario sarà un volto noto al pubblico statunitense: si tratta di Kayleigh McEnany (29 anni) che per mesi è stata una sorta di “surrogato” di Donald Trump, sostenendolo e difendendo le sue posizioni. Kayleigh Mcenany è ospite fissa tra i commentatori presso la Cnn.

news

Trump scatenato su Twitter

Intanto il presidente Donald Trump è scatenato e si scaglia contro tutti.

Con una nuova implacabile ondata di tweet, attacca il New York Times, le “fake news media” e il senatore democratico Richard Blumenthal. In un primo cinguettio, Trump si chiede «fino a quando failing New York Times potrà restare in attività viste le sue enormi perdite». In un altro post si scaglia invece contro i fake media in generale, accusati di non parlare dell’importanza del voto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu in favore delle sanzioni in Corea del Nord. Successivamente, il presidente USA critica Blumenthal, mettendo in dubbio il fatto che abbia partecipato alla guerra del Vietnam. Così scrive Donald Trump: «Dovrebbe prendersi una lunga vacanza in Vietnam cosi almeno può dire che c’è stato». Questi post lasciano un po’ il tempo che trovano. Ma ormai conosciamo DOnald Trump, non c’è nulla di cui stupirsi.

Fake news e real news

Il tema delle fake news è senza dubbio degno di attenzione. Ma le notizie vere vanno lette e filtrate con analoga attenzione.

Bisogna sviluppare senso critico, e capire il contesto da cui nascono e provengono. In questo caso, per esempio, le real news non rappresentano un punto di vista disinteressato, come dovrebbe essere. Anzi, tutt’altro. Non dimentichiamo che Donald Trump è coinvolto nel Russiagate. Ogni notizia ed informazione, anche se reale, è un solo ed unico punto di vista. Non può essere verità assoluta, come invece il presidente vorrebbe far passare. Quindi, anche se è positivo che si voglia combattere questo tipo di disinformazione, ci sono delle perplessità importanti. Avere il controllo delle notizie è forse un potere troppo grande per il presidente Donald Trump.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche