Violenze fisiche ad alunni, arrestata maestra elementare

Roma

Violenze fisiche ad alunni, arrestata maestra elementare

violenze

Una maestra 54enne di una scuola elementare è stata arrestata con l'accusa di violenze fisiche e psicologiche a danno di alcuni suoi alunni.

Il Gip di Roma ha arrestato una maestra 54enne di una scuola elementare, accusata di essere autrice di violenze a livello fisico e psicologico a danno di alcuni alunni.

Le testimonianze di colleghi, genitori ed ex alunni

Le indagini sono state avviate lo scorso Marzo, a seguito di una testimonianza di un collaboratore scolastico. Il racconto è sconcertante: la maestra aveva picchiato un bambino di soli sei anni davanti agli altri alunni impauriti. In un altri caso, la vittima sarebbe stata una bambina (con problemi psicofisici) a cui è stata infilata la testa nel cestino dei rifiuti. Altre testimonianze fondamentali per incriminare la maestra sono giunte da colleghi ed ex alunni. Altre invece sono arrivate dai genitori di alcuni alunni, che hanno visto i propri figli mostrare strani comportamenti nel momento in cui dovevano recarsi presso l’edificio scolastico.

Gli inquirenti parlano di “un quadro inquietante”: addirittura da alcune testimonianze è emerso che la maestra costringeva i bambini a stare con la testa china sul banco per poter mangiare serenamente e senza essere disturbata.

Le testimonianze che sono state analizzate e ritenute valide, sono state raccolta dagli investigatori , diretti dalla dottoressa De Giorgi.

La maestra, nel corso degli ultimi anni, era già stata trasferita da classe a classe: dettaglio che ha fatto insospettire ancora di più gli inquirenti. Immediate sono state le proteste e le reazioni di molti genitori, che hanno risollevato il caso della presenza obbligatoria delle telecamere negli edifici pubblici come scuole e case di riposo per anziani, al fine di tutelare i più deboli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche