Zac Vawter e la gamba bionica

Cronaca

Zac Vawter e la gamba bionica

La tecnologia fa passi da gigante e nascono nuovi dispositivi anche per chi ha perduto l’uso delle gambe. E’ il caso di Zac Vawter, giovane trentaduenne di Seattle che perse l’uso di una gamba in seguito ad un incidente in moto. Sottoposto ad un intervento molto delicato, Zac è riuscito a muovere la gamba grazie ad un dispositivo di nuovissima generazione capace di funzionare con la sola forza del pensiero. Con la sua “gamba bionica” Zac ha realizzato anche il primo record personale, nel 2012, riuscendo a raggiungere la sommità del Chicago Willis Tower, un edificio di circa cento piani. All’impianto realizzato sulla gamba di Zac hanno lavorato medici e ricercatori per circa quattro anni.

Il risultato è stupefacente: non si tratta solo di una gamba artificiale, ma di una gamba “intelligente” collegata ad un microcomputer in grado di rielaborare i segnali provenienti dal cervello che poi si traducono in movimenti. Al progetto ha collaborato economicamente anche l’esercito americano, che spera così di aiutare migliaia di soldati mutilati dalla guerra.

Il sistema è in fase di perfezionamento, si tende infatti a renderlo più leggero, silenzioso, e con batterie che durino più a lungo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche