Baby gang a Napoli, arrestati autori 17 rapine in 2 mesi
Baby gang a Napoli, arrestati autori 17 rapine in 2 mesi
Napoli

Baby gang a Napoli, arrestati autori 17 rapine in 2 mesi

baby gang a Napoli

A Napoli una baby gang è ritenuta responsabile di aver commesso sette rapine nel giro di un paio di mesi.

Una baby gang a Napoli, composta in tutto da sette ragazzini (di cui quattro minorenni), è accusata di aver commesso diciassette rapine nel giro di un paio di mesi. Ad eseguire le sette misure cautelari sono stati i carabinieri di Castello di Cisterna. In particolare, la baby gang andava a colpire nelle stazioni ferroviarie e anche nei pressi di alcuni bar, sempre con la stessa modalità. A turno, infatti, utilizzavano una pistola giocattolo, che usavano per minacciare le vittime delle rapine, convincendoli in questo modo a consegnargli il cellulare.

Baby gang a Napoli

Un gruppo di giovanissimi ragazzi, composto in tutto da sette persone (di cui anche quattro minorenni), è accusato di aver commesso diciassette rapine nel giro di due mesi. In particolare, le rapine sono avvenute tutte nel Napoletano. La baby gang era solita colpire soprattutto nelle stazioni ferroviarie e anche nei pressi dei bar (a Pomigliano d’Arco, Casalnuovo di Napoli, Brusciano, Volla e Casoria), sempre con il solito modus operandi.

A turno, infatti, uno di loro estraeva una pistola giocattolo, che veniva utilizzato in particolar modo per minacciare le vittime, che in questo modo erano costrette a consegnare il cellulare. Una volta effettuata la rapina, scappavano a bordo di uno scooter.

Sono stati i carabinieri di Castello di Cisterna ad eseguire le sette misure cautelari nei confronti dei giovani che componevano la baby gang. Le vittime delle rapine erano quasi sempre coetanei dei responsabili dei furti. Come già accennato in precedenza, quattro delle sette persone arrestate sono minorenni. I quattro sono stati portati nel centro di accoglienza dei Colli Aminei di Napoli. Per gli altri tre, invece, è stata disposta la custodia nel carcere di Poggioreale.

L’allarme

Nelle ultime settimane il fenomeno delle baby gang a Napoli si è diffuso a macchia d’olio, provocando anche molta preoccupazione. Negli ultimi tempi, infatti, si sono registrati numerosi episodi di violenza soprattutto nei confronti di minori, commessi da ragazzi di giovanissima età.

Proprio per questo motivo, nella giornata di oggi avverrà un vertice in Prefettura, in cui sarà presente anche il Ministro dell’Interno, Marco Minniti. Ma non solo. Al vertice parteciperanno anche i vertici nazionali delle Forze dell’ordine, il Procuratore Distrettuale della Repubblica di Napoli e i vertici della magistratura minorile.

Uno degli ultimi episodi di violenza nei confronti di un minore è avvenuto un paio di sere fa, quando un sedicenne ha ricevuto un pugno che gli ha provocato la frattura del setto nasale. In questa circostanza, la vittima ha raccontato di essere stato avvicinato da un gruppo di ragazzi con una età compresa tra i sedici e i diciotto anni, che non conosceva. Prima hanno cominciato ad insultarlo e poi gli hanno rotto il naso colpendolo con un pugno. La sera precedente, un’altra baby gang a Pomigliano d’Arco armati di catena hanno picchiato due studenti di quattordici e quindici anni per rubargli lo smartphone.

Senza dimenticare ovviamente il caso di Arturo, il giovane selvaggiamente picchiato da un gruppo di ragazzini e che ieri è tornato a scuola.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*