×

Caldo torrido tra martedì e mercoledì: ecco in quali città

Condividi su Facebook

L’Italia sta per essere colpita da un’ondata di caldo torrido, che coinvolgerà ben 16 città da Nord a Sud, nessuna zona esclusa. A riferirlo è il ministero della Salute, che fa riferimento alle previsioni meteorologiche e che mette in guardia gli italiani.

Consigliato non uscire nelle ore più calde e portarsi sempre una bottiglietta d’acqua e un cappellino dietro.

L’Italia colpita dal caldo

Tra le giornate di martedì e mercoledì, è previsto che ben 16 città verranno colpite da temperature bollenti. Tutta l’Italia sarà, quindi, coinvolta, da un caldo asfissiante, che metterà fuori gioco le energie di gran parte dei cittadini. Il ministero della Salute si preoccupa delle conseguenze, che potrebbero essere veramente serie e avvisa di tenersi in guardia dal caldo.

Nella giornata di martedì, le città più roventi saranno Roma, Frosinone, Pescara e Campobasso, mentre mercoledì saranno coinvolte anche Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Firenze, Latina, Milano, Napoli, Perugia, Rieti e Viterbo. Nessuna esclusa, quindi. Tutta l’Italia patirà il caldo e non sembra che ci siano vie d’uscita.

Questa sarà la quinta ondata di caldo africano della stagione e si prospetta come eccezionale sia per durata, sia per intensità, oltre che per l’estensione.

I picchi arriveranno oltre ai 40°c e tutti sembrano preoccupati dalla situazione a cui saranno sottoposti settimana prossima.

I disagi che potrebbero sorgere per il caldo

Luigi Latini, amministratore delegato del centro Epson meteo, avverte dei disagi che potrebbero esserci nelle prossime settimane a causa dell’ondata di caldo africano: “Siccome l’aria africana è molto umida le temperature percepite in alcune zone saranno anche superiori ai 40 gradi, quindi il disagio si verificherà per chi è fragile o malato, per gli anziani, ma anche un adulto sano potrebbe avere problemi.

Sarà un caldo molto intenso, prolungato, e sarà la quinta ondata dell’anno, che oltretutto arriva su un territorio e su persone già provate con un aggravamento di tutti i problemi del caso, dalla siccità al rischio incendi”.

I consigli per resistere alle sofferenze causate dalle temperature estremamente elevate sono sempre i soliti: non esporsi al sole nelle ore più calde (convenzionalmente dalle 12 alle 16), bere moltissima acqua e tenersi pronti per ogni evenienza.

Sul web, sono numerosi gli articoli che suggeriscono come difendersi dalle ondate di calore e, in tanti, dicono di avere sempre un kit di pronto soccorso pronto per essere utilizzato.

Si ricorda anche che, per chi è più fragile, specialmente anziani e bambini, il caldo può diventare rischioso e generare addirittura malori. Rimanere idratati è il miglior modo per non sentirsi male e tutti dovrebbero avere sempre una bottiglietta d’acqua con sè.

La preoccupazione si estende anche a quelle zone che sono state già travolte dai problemi di siccità e dagli incendi. Si spera che le regioni e lo Stato prenda provvedimenti a riguardo.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.