Casa smart e domotica: le start up più interessanti
Casa smart e domotica: le start up più interessanti
Tecnologia

Casa smart e domotica: le start up più interessanti

domotica

Quando la tecnologia può semplificare la vita e renderla anche più sicura ed ecologica, è il momento non solo delle smart city, ma anche delle casa smart.

Quando la tecnologia può semplificare la vita e renderla anche più sicura ed ecologica, è il momento non solo delle smart city, ma anche della casa smart.

Casa domotica

La casa smart è una casa che si serve delle tecnologie per la migliore organizzazione e gestione della casa, dei suoi elettrodomestici, accessori e servizi in modo non solo da semplificare la vita dei suoi abitanti ma anche di arrecare altri vantaggi, quali risparmio energetico, minor dispersione di risorse, risparmio fiscale, bollette meno salate, utilizzo di energia pulita e altre. In una casa smart sono presenti quei sensori che consentono di tenere sotto controllo consumi, sprechi, luce, illuminazione, calore, fonti di pericolo, ecc.

Il futuro delle nostre abitazioni dovrebbe vedere la domotica passare da essere una cosa di tendenza ad essere un mezzo a disposizione delle persone per semplificare concretamente la vita di tutti i giorni. Un esempio di tecnologia utile che si sta diffondendo sono le app che permettono di controllare da distanza il riscaldamento di casa, la diffusione di queste tecnologie è agevolata anche dalle detrazioni fiscali di cui è possibile beneficiare

Start up domotica

Sono diverse le start up dedicate alla casa smart e alla domotica, eccone alcune.

Molto interessante è la start up italiana Nuvap che ha creato N1, a tutti gli effetti una scatola che collocata in casa tiene sotto controllo la presenza di sostanze inquinanti e pericolose, compreso il radon, in questo modo ci aiuta a sapere se la nostra casa è pulita, ecologica e anche sicura. La scatoletta N1 si può noleggiare anche per breve tempo, collocarla in casa ed avere una relazione completa della situazione rilevata. Sesto Senso permette di tenere sotto controllo i consumi energetici monitorati i quali esso mette in atto provvedimento conseguenti, ad esempio spegnere o accendere il riscaldamento.

Analogamente Mind, si serve di sensori che monitorano la temperatura, la luce e i consumi, mentre Momo è un robottino che rileva temperatura, umidità, luci, presenza di emissioni di fumo e conseguentemente adotta le misure di sicurezza necessarie, non solo organizza le stanze di casa in base all’umore che rileva nelle persone che la abitano.

Celestial Tribe LTB invece, si occupa dei rumori. Infatti, è capace di applicare una tecnologia che elimina vibrazioni e nasconde rumori in modo da creare in casa un ambiente tranquillo, silenzioso e rilassante, quello che in pratica ci si aspetta al rientro a casa dopo una giornata di lavoro. Elimina tutte le fonti di disturbo rendendo l’ambiente più piacevole e rilassante.

Leapin Digital Keys applica un software che consente di aprire e chiudere serrature e porta da distanza. Anche Jarvis, creato da Iooota, controlla il risparmio energetico, i consumi, le dispersioni di calore e di energia, le emissioni di fumo, ma è in grado anche di lanciare allarmi in caso di incendi, di allagamenti e perdite di gas. Le tecnologie per le case smart indubbiamente hanno ancora dei costi piuttosto elevati e non sono alla portata di tutti, adeguare un’abitazione alla tecnologie smart è uno sforzo che in parte è compensato dalle detrazioni fiscali a cui danno diritto, il cosiddetto ecobonus.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche