Come superare la calvizie: conseguenze psicologiche
Come superare la calvizie: conseguenze psicologiche
Wellness

Come superare la calvizie: conseguenze psicologiche

CALVIZIE.
CALVIZIE.

Avete iniziato a perdere i capelli e non sapete che cosa fare? Vediamo insieme come rimediare e quali sono le conseguenze psicologiche.

Una delle paure più grandi delle persone di sesso maschile è sicuramente quella di perdere i capelli. Durante il XIV Congresso Internazionale ISHR (Società Italiana per la cura e la chirurgia della Calvizie) che si svolge a Roma è stato affermato che 30 milioni di persone in Europa soffre di Calvizie e di questi 11 mila sono in Italia. In particolare, gli Italiani che soffrono di calvizie sono il 5 % adolescenti, mentre il 30 % sono donne. La calvizie quindi è una patologia molto comune e sempre di più in vertiginosa crescita.

CAPELLI SANI DOPO L'ESTATE.

Perchè cadono i capelli

Ecco quali sono le cause più comuni che determinano la caduta dei capelli:

ALOPECIA ANDROGENETICA: oltre il 70% degli uomini soffre di questa patologia. Può dipendere da una predisposizione ereditaria, oppure dagli ormoni androgeni. L’Alopecia Androgenetica si caratterizza dalla progressiva e lenta miniaturizzazione dei follicoli piliferi presenti sul cuoio capelluto, che diventano sempre più depigmentati, sottili e corti.

IPOTIROIDISMO: la perdita di capelli può essere una patologia legata alla tiroide.

La tiroide è una ghiandola molto importante che ha tra le tantissime funzioni quella di regolare la crescita dei capelli. Per riconoscere l’Ipotiroidismo è necessario effettuare degli esami raccomandati dal medico di fiducia, che in caso di risultati positivi vi prescriverà la cura più adatta per tenere sotto controllo la perdita dei capelli.

LUPUS: di questa patologia soffre un milione e mezzo di persone e di queste moltissime sono donne. Il Lupus è una malattia autoimmune che colpisce i tessuti sani. Tra i sintomi più comuni del Lupus ci sono dolore al cuoio capelluto, perdita abbondante dei capelli, dolore e gonfiore delle estremità, febbre, anemia e dolore al petto.

MALATTIE E CAUSE EREDITARIE: la caduta dei capelli molto spesso è di tipo ereditario. La maggior parte delle persone che hanno questo inconveniente iniziano a notare i primi segni a partire dai 20 anni. La causa è il patrimonio genetico che non produce molti capelli. Per prevenire il problema è necessario iniziare il prima possibile un buon trattamento.

SINDROME DELL’OVAIO POLICISTICO: questa patologia riguarda il sesso femminile e può iniziare a comparire intorno agli 11 anni, quando le ovaie iniziano a svilupparsi producendo molti ormoni maschili.

Alla comparsa di peluria in altre parti del corpo, si potrà notare l’abbondante perdita di capelli.

TELOGEN EFFLUVIUM: un intervento chirurgico importante, un episodio di forte stress, certi medicinali, una dieta per perdere peso, il post-gravidanza ecc… sono tutti eventi che possono portare moltissime conseguenze, tra le quali la perdita eccessiva di capelli. La perdita di capelli che si verifica a causa di forte stress può avvenire tra le sei settimane e i tre mesi successivi a uno di questi episodi.

Stempiatura fisiologica

Quando parliamo di “Stempiatura Fisiologica” intendiamo il processo per il quale un uomo durante la vita inizia gradualmente a perdere i capelli per cause genetiche, oppure dovute a stress e traumi. Questa patologia è più sviluppata nel genere maschile, rispetto che quello femminile e si manifesta con la progressiva regressione dell’attaccatura frontale dato dalla caduta dei capelli e al diradamento all’altezza del vertice. Ecco alcuni consigli per limitare la stempiatura fisiologica:

INFOLTIMENTO DEI CAPELLI NON CHIRURGICO: tecnica non invasiva.

Permette di integrare i capelli naturali su una similpelle biocompatibile al cuoio capelluto. In questo moto si potrà migliorare l’immagine estetica.

NON LAVARE TROPPO I CAPELLI: il diradamento dei capelli può essere dovuto all’utilizzo di prodotti di scarsa qualità che ci portano ad aumentare la frequenza di lavaggio. Per evitare la perdita dei capelli si consiglia l’utilizzo di prodotti specifici in maniera regolare.

OSSIGENOTERAPIA: questo trattamento è consigliato nei casi di stempiatura fisiologica e si basa sulla somministrazione di ossigeno a livello cellulare. L’ossigenoterapia aiuta i tessuti a ossigenarsi in maniera ottimale e aiuta il miglioramento dei processi metabolici.

RIDURRE LO STRESS ECCESSIVO: per evitare il diradamento dei capelli è necessario ridurre lo stress eccessivo, soprattutto tra i giovani. Oltre a rilassarvi un attimo dagli impegni quotidiani, vi consigliamo di prendere integratori che possono aiutare nella gestione dello stress e ritrovare il benessere.

SEGUIRE UNA DIETA NUTRIENTE: fornire l’adeguato apporto di proteine giornaliere, attraverso una nutrizione corretta o con uso di integratori è necessario per dare ai nostri capelli la forza e la bellezza.

Cercate di non fare mancare mai nella vostra dieta sali minerali, acidi grassi, proteine, Omega 3 e vitamina D.

TRAPIANTO DI CAPELLI: un sistema definitivo per contrastare la stempiatura fisiologica dei capelli è sicuramente il trapianto dei capelli, ovvero un percorso che prevede una serie di interventi che servono a costruire una nuova capigliatura di una persona affetta da alopecia o altre patologie del cuoio capelluto.

Alopecia androgenetica

Quando parliamo di Alopecia Androgenetica intendiamo la perdita di capelli dovuta ad una una miniaturizzazione di tipo androgenetico e suscettibilità del follicolo pilifero. L’Alopecia Androgenetica interessa il 70% degli uomini e il 40% delle donne e solitamente è dovuta a diverse eziologie che rimangono sconosciute e fattori ambientali e genetici.

Nell’uomo l’Alopecia Androgenetica si presenta con la perdita di capelli al vertice e la recessione dell’attaccatura alle tempie, mentre nella donna si ha su tutta la parte alta dello scalpo un diradamento diffuso.

Una situazione dell’Alopecia Androgenetica è quella che viene chiamata “Corona Ippocratica”, che si manifesta quando dalle tempie al vertice possiamo osservare una striscia di capelli ai lati e posteriormente alla testa che viene mantenuta.

Secondo vari studi l’Alopecia Androgenetica si verifica quando l’attività della 5alfa-reduttasi di tipo II, si trasforma dal testosterone in diidrotestosterone. Altre patologie come tumori virilizzanti o terapie con androgeni, carenza di GH, menopausa, ipotiroidismo possono portare l’Alopecia Androgenetica. Si può curare questa patologia tramite due farmaci specifici approvati dalla FDA che vengono utilizzati quando l’Alopecia Androgenetica si trova nello stadio intermedio. Vediamo insieme quali sono.

FINASTERIDE: questo farmaco combatte l’Alopecia Androgenetica impedendo l’azione dell’enzima 5-alfa-reduttasi di tipo 2. Il Finasteride si assume tramite os.

MINOXIDIL: questo farmaco ha un meccanismo d’azione ancora poco chiaro, ma è efficace nell’area del vertice. Il Minoxidil viene utilizzato per uso topico.

Prima di un certo intervallo di tempo (3-6 mesi) non può dimostrarsi efficace il trattamento.

Quando si trova in uno stadio intermedio, il Finasteride e il Minoxidil possono risultare efficaci. Mediante la ridistribuzione chirurgica dei bulbi piliferi (autotrapianto di capelli) è possibile intervenire con successo. Un altro metodo per intervenire sulla patologia è quello di ricorrere a tecniche di infoltimento alternative.

Cura calvizie

Secondo numerosi studi internazionali, la perdita dei capelli è dovuta all’attività di una tipologia specifica di cellule staminali. Lo stato di ansia e paura che provoca la perdita dei capelli è una delle conseguenze psicologiche più frequenti. Correlata all’avanzare dell’età, può provocare anche stati depressivi molto pericolosi. Per curare la Calvizie uno dei prodotti più consigliati e utilizzati dagli utenti è Hair Back. Hair Back è un pettine a tecnologia laser che stimola la ricrescita dei capelli e ne blocca la caduta. Questo pettine si ispira alla laser terapia, una tecnica molto costosa che viene utilizzata per combattere la caduta dei capelli e che funziona andando a colpire direttamente i bulbi piliferi, stimolandone la formazione di nuovi.

Scegliendo Hair Back si potranno avere risultati in in sole 8 settimane. Hair Back permette di:

  • Avere risultati rapidi.
  • Bloccare la caduta dei capelli.
  • Stimolare la ricrescita.

spazzola hairback

Ecco una delle tante recensioni positive:

“Ho ordinato la spazzola venerdì e oggi mi è arrivata in perfette condizioni, puntualissimi e con pagamento alla consegna. Vi farò sapere come va!” (Roberta, 36 anni).

Hair Back si può acquistare comodamente e in sicurezza sul sito ufficiale del prodotto, ordinandolo dopo aver compilato il modulo e poi pagandolo comodamente alla consegna in contrassegno.

Un altro prodotto molto utile e importante da utilizzare per la Calvizie è Folto. Folto è un composto di fibre di cotone che copre le zone calve attaccandosi ai capelli naturali. Pur essendo pochi e diradati Folto riuscirà a rinfoltire i capelli in meno di 30 secondi, donando un look naturale senza che nessuno si accorga del trattamento. Ecco una delle tante recensioni positive presenti sul sito web del produttore:

FOLTO.

“Mi sono rimasti ormai pochi peli in testa e non pensavo esistesse una soluzione valida… questo prodotto anche se non da risultati permanenti è un ottima soluzione temporanea che da i suoi effetti in pochissimi secondi...” (Marco, 56 anni).

Folto si può acquistare comodamente e in sicurezza sul sito ufficiale del prodotto. Dopo aver ordinato e compilato il modulo, sarà possibile pagarlo comodamente alla consegna in contrassegno.

Medicina rigenerativa capelli

Per superare il problema della Calvizie è possibile ricorrere alla medicina rigenerativa. Quando parliamo di “Medicina Rigenerativa Capelli” facciamo riferimento al PRP (Platelet Rich Plasma). Si tratta di un plasma arricchito di piastrine che permette di stimolare l’attività delle cellule staminali dei bulbi piliferi rimasti che possono essere sofferenti o silenti.

Cellule staminali capelli

Il PRP è consigliato a tutti gli stati di Alopecia Androgenetica. Può aiutare anche tutti quei casi di Alopecia areata a chiazze dove possono esserci dei soggetti che hanno già provato l’autotrapianto. Prima di effettuare il PRP si consiglia di effettuare degli esami del sangue. Il PRP verrà eseguito in ambulatorio e il tempo necessario è di circa 30-45 minuti.

Il trattamento PRP inizia con un prelievo di sangue venoso (5-10 ml) che viene inserito nelle provette, che a loro volta vengono messe in una centrifuga che ha il compito di separare le componenti del sangue, ottenendo così una massa gelatinosa che identificheremo come plasma ricco di fattori di ricrescita (PRP). Successivamente la soluzione PRP viene iniettata per iniziare il massaggio del cuoio capelluto. Dopo 5-6 mesi iniziano a comparire i capelli e la crescita più forte comincia intorno ai 9-12 mesi.

Trapianto capelli

L’autotrapianto di capelli è un operazione chirurgica che permette la ricrescita dei capelli nei casi di calvizie. Quest’operazione avviene grazie a un team di figure specializzate. Queste, garantiscono un buon esito dell’intervento insieme al chirurgo (anestesista + quattro infermiere professioniste). Per effettuare l’autotrapianto dei capelli può essere utilizzata la tecnica STRIP (o FUT ), oppure la tecnica FUE.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche