Modena, in coma dopo uno schiaffo: morto 32enne
Modena, in coma dopo uno schiaffo: morto 32enne
Cronaca

Modena, in coma dopo uno schiaffo: morto 32enne

coma

Un 25enne nigeriano dà uno schiaffo a un connazionale, che finisce in coma irreversibile. L'aggressore è in carcere, la vittima muore dopo due mesi.

Finisce nella maniera più drammatica una lite in strada a Modena. Il 9 novembre 2018 un nigeriano di 32 anni è finito in coma irreversibile dopo un litigio avvenuto in via Niccolò dell’Abate angolo via Mazzoni, con un connazionale 25enne. Dopo due mesi, il giovane, regolare in Italia, è morto. Arrestato l’aggressore.

In coma irreversibile dopo una lite

Stando alle ricostruzioni e ad un video catturato da una telecamera di sorveglianza, quattro immigrati africani cominciano a discutere in maniera animata. Poi il faccia a faccia tra il 32enne e il 25enne, con quest’ultimo che improvvisamente gli sferra uno schiaffo violento sotto l’orecchio. Il 32enne cade a terra, battendo la testa in strada. E’ privo di sensi ma gli altri tre scappano senza prestare alcun soccorso. Solo diverso tempo un passante nota il giovane esanime e allerta i soccorsi.

Il 32enne, con lavoro e permesso di soggiorno, viene ricoverato in ospedale ma le sue condizioni sono gravissime.

La diagnosi è coma irreversibile. Una decina di giorni dopo la squadra mobile di Modena riesce ad individuare e arrestare il 25enne, immigrato irregolare. Attualmente si trova in carcere con l’accusa di lesioni gravissime ma nei prossimi giorni il capo d’imputazione potrebbe cambiare. Il 32enne infatti sabato 5 gennaio 2019 è morto presso l’ospedale di Baggiovara dove era ricoverato.

Indagati invece per omissione di soccorso gli altri due uomini che hanno assistito alla scena ma che sono fuggiti lasciando a terra il 32enne privo di sensi. La Procura di Modena intanto è in attesa dei risultati dell’autopsia disposta sul cadavere della vittima, per stabilire esattamente quali possano essere state le cause del decesso.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche