×

Milano, un’altra brusca frenata sulla metro rossa: 9 feriti

Ancora una brusca frenata sulla metropolitana di Milano, questa volta sulla M1, la linea rossa. Nove persone risultano ferite in maniera non grave.

Ennesima brusca frenata sulla metropolitana di Milano. Nel pomeriggio di sabato 9 marzo, un treno circolante sulla linea rossa si è arrestato improvvisamente presso la stazione Cadorna come conseguenza dell’attivazione del freno di emergenza. Come necessario in questi casi, la circolazione sulla M1 è rimasta bloccata per circa un’ora tra la fermata Cairoli e lo snodo Pagano, creando non pochi disagi. E’ necessario precisare inoltre che solamente i treni diretti a Sesto 1° maggio non si sono fermati alla stazione di Cadorna, essendo l’incidente avvenuto in quel senso di marcia; i treni per Rho Fiera-Milano e Bisceglie, nonostante dei rallentamenti, non hanno subito stop.

Sono 9 le persone rimaste ferite

Anche questa volta purtroppo ci sono stati dei feriti, con i soccorritori del 118 che sono sopraggiunti per prendersi cura di nove passeggeri rimasti offesi nella frenata, anche se non in maniera grave.

L’Atm, ha poi disposto prontamente dei pullman sostitutivi per andare a coprire la tratta rimasta esclusa dalla circolazione della metro e, ha informato i viaggiatori della ripresa della circolazione con delle segnalazioni sul proprio profilo Twitter, nelle stazioni e sul sito web.

Circolazione ripresa regolarmente

Sempre tramite il proprio account Twitter, Atm ha informato gli utenti che la circolazione, ultimati i soccorsi, è regolarmente ripresa in entrambe le direzioni intorno alle 17.50. Di seguito l’ultimo cinguettio di Atm rivolto ai passeggeri:


Nato a Milano, classe 1995, è laureato in Filosofia all'Università degli Studi di Milano Statale. Ha collaborato con Notizie.it, IlGiornaleOFF e Radio24.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Marco Lomonaco

Nato a Milano, classe 1995, è laureato in Filosofia all'Università degli Studi di Milano Statale. Ha collaborato con Notizie.it, IlGiornaleOFF e Radio24.

Leggi anche