Torino, malore alla guida di un camion: morto un 60enne | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Torino, si sente male mentre guida: camionista accosta e muore
Cronaca

Torino, si sente male mentre guida: camionista accosta e muore

torino morto guida

Al momento nessuno conosce l'identità dell'uomo morto mentre era alla guida del suo camion: quando si è sentito male ha accostato.

Un camionista dopo essersi sentito male, ha avuto la forza e la lucidità di accostare il mezzo su cui stava guidando nella corsia di emergenza. Appena ha terminato questa manovra, l’uomo, 60 anni, ha perso i sensi ed è morto. I soccorsi sono subito giunti sul posto ma, nonostante tutti i tentativi di rianimazione effettuati dai sanitari del 118, per il camionista non c’è stato niente da fare. I medici non hanno potuto fare altro che dichiararne il decesso. Al momento risulta ancora sconosciuta l’identità dell’uomo.

Strada bloccata per ore

Stando a quanto riportato da FanPage, il drammatico evento è successo nella mattina di giovedì 18 Aprile 2019, sull’autostrada A18 in direzione Bardonecchia, in provincia di Torino, all’altezza del chilometro 2+900, nel territorio di Rivoli. Come è facile immaginare, sono stati numerosi i disagi provocati da questo incidente.

Le autorità hanno deciso di chiudere il tratto interessato per permettere l’intervento dell’elisoccorso, causando inevitabilmente lunghe code in entrambe le direzioni, dove sono stati rilevati rallentamenti.

La Polstrada di Susa ha effettuato tutti i rilievi del caso per accertare l’esatta dinamica dei fatti.

Sul posto sono giunti anche i tecnici Ativa e Sitaf. Sempre stanto a quanto scritto da FanPage, ecco un’informazione utili: gli automobilisti diretti verso le montagne, l’ingresso obbligatorio è ad Avigliana. Inoltre, sempre come conseguenza dell’incidente, si è registrato un traffico congestionato sia in autostrada sia lungo la tangenziale sud di Torino. La situazione è lentamente tornata alla normalità.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche