Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Piemonte, violenta grandinata colpisce la zona del biellese
Cronaca

Piemonte, violenta grandinata colpisce la zona del biellese

grandinata

I grossi chicchi di ghiaccio sono stati fotografati e mostrati sui social network dagli abitanti, che hanno assistito a bocca aperta alla scena.

Il maltempo di inizio giugno 2019 non ha lasciato scampo a nessuna parte della Penisola. In particolare, temporali e grandinate si sono scagliati sul settore settentrionale dello stivale, colpendo maggiormente Piemonte e Lombardia e causando gravi danni alle coltivazioni e alle strutture. Nel biellese, nella zona di Masserano, sono caduti grossi chicchi di grandine, che gli abitanti non hanno potuto evitare di fotografare e mostrare sui social, destando lo stupore dei followers. La grandinata, secondo quanto affermato dai testimoni, è andata avanti per diverse ore con qualche indebolimento, accompagnata da lampi e fulmini impressionanti. Non sono mancate violente raffiche d’aria, che hanno contribuito a creare un’atmosfera inquietante e, al contempo, suggestiva.

Le grandinate

Oltre che pioggia e fulmini, il Nord Italia ha assistito anche alla caduta di grossi pezzi di grandine, specie nelle ore della tarda serata di lunedì 10 giugno 2019. Nessuna tregua, dunque, per l’area settentrionale della Penisola, che sembra non essere ancora entrata nel vivo dell’estate, a differenza del luminoso e afoso Meridione.

Arpa Piemonte aveva segnalato il rischio di maltempo evidenziando, in particolare, proprio la zona piemontese presa di mira dalla grandine.

Le testimonianze

La forte grandinata è stata immortalata dai testimoni, che hanno tempestato i social con foto e filmati della scena.

Come descritto da diversi utenti, i chicchi di ghiaccio hanno bozzato le carrozzerie delle auto e le lamiere di alcuni stabilimenti. I video mostrano i pezzi di grandine, grossi quasi quanto palline da golf, che rimbalzano sull’asfalto delle strade.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche