Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Como, bambino ustionato dal falò al campo scout: è grave
Cronaca

Como, bambino ustionato dal falò al campo scout: è grave

campo scout
campo scout

Il piccolo di 8 anni stava trascorrendo le vacanze con i compagni del campo scout quando è stato avvolto dalle fiamme del falò.

Un bambino di 8 anni stava partecipando a un campo scout con i compagni. Giovedì sera, in occasione del raduno attorno al fuoco, è partita una vampata che ha colpito il piccolo in viso. Le cause dell’incidente sono ancora ignote: il bambino, però, è stato portato d’urgenza all’ospedale milanese Niguarda. Ora si trova ricoverato nel reparto di rianimazione, ma respira autonomamente.

La fiamma del falò

L’incidente si è verificato giovedì sera in una struttura di Como all’interno del Parco della Spina Verde: gli scout alloggiavano presso la Casa Scout Don Titino, a Rebbio. Il bambino stava trascorrendo un breve periodo di vacanza nel capoluogo lariano. Durante le attività del dopo cena, però, intorno alle 21, dal falò dove si erano riuniti in cerchio gli scout è divampata una fiamma che lo ha colpito sul volto. Il piccolo è stato ricoverato d’urgenza al Bozzi di Milano per ustioni al viso e alle braccia. Il bambino risiede a Treviglio e si trovava a Como in occasione del campo scout con il gruppo Asi Scout di Agnadello, in provincia di Cremona.

La ricostruzione

Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, il piccolo di 8 anni avrebbe tentato di alimentare il fuoco con una bottiglia di alcool.

Colpito dalle fiamme in volto avrebbe quindi portato le mani in sua difesa, guadagnandosi diverse ustioni. I collaboratori del campo hanno portato personalmente il bambino all’ospedale. nel primo pomeriggio di venerdì, inoltre, erano sopraggiunte alcune informazioni sullo stato di salute del bimbo. “Il bambino, che era stato sedato, è stato svegliato e ha iniziato a respirare da solo“. Da quanto di apprende è scongiurato il pericolo di danni alle vie respiratorie: per ora, comunque, resta ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale Niguarda. Nessuno dei responsabili del campo ha dato spiegazioni sulle attività dei ragazzini.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Laura Pellegrini
Classe '98, cresciuta condividendo il sogno del padre. Veronese di origini, ma milanese acquisita. Da sempre curiosa e attenta ai fatti di attualità, spera di costruirsi (in futuro) un nome nel giornalismo politico. L'ambizione è quella di lavorare nelle istituzioni europee, ma per ora prosegue gli studi di Comunicazione e Società all'Università di Milano.
Contatti: Mail