Cologno Monzese, incidente sul lavoro: precipita operaio dal tetto
Cronaca

Cologno Monzese, incidente sul lavoro: precipita operaio dal tetto

incidente

Sul posto la Polizia ha già provveduto ad effettuare i primi rilievi per ricostruire la dinamica dell'accaduto.

Incidente in provincia di Milano, a Cologno Monzese, dove un 67enne sarebbe rimasto gravemente ferito durante dei lavori all’interno di una fabbrica. Immediato l’intervento del 118, che ha trasportato l’uomo all’ospedale Niguarda di Milano. Nonostante i vari traumi riportati, la vittima non sarebbe in pericolo di vita. In corso gli accertamenti da parte della Polizia Municipale.

Incidente in provincia di Milano

Ennesimo grave incidente sul lavoro nella giornata di giovedì 4 luglio, in provincia di Milano, a Cologno Monzese. Coinvolto un operaio 67enne che stava lavorando all’interno di una fabbrica in viale Brianza: secondo i primi accertamenti, l’uomo sarebbe precipitato dal tetto dell’edificio mentre stava sistemando un lucernario al suo interno. La vittima avrebbe perso l’equilibrio, cadendo per circa 6 metri e schiantandosi violentemente al suolo. Immediato l’intervento del personale del 118, giunto sul posto con un’eliambulanza e due ambulanze: l’uomo è stato trasferito all’ospedale Niguarda di Milano in codice rosso, attraverso il velivolo dei soccorritori.

Le condizioni dell’uomo

Nonostante l’incidente, l’uomo non è in pericolo di vita e sarebbe anzi arrivato in ospedale in stato cosciente – secondo quanto riferito dall’Areu, l’Azienda regionale emergenza urgenza.

Restano gravi le condizioni per via dei traumi riportati alla testa, al volto e al torace. Giunta sul luogo anche la Polizia Municipale di Cologno Monzese, che ha provveduto ad effettuare tutti i rilievi necessari per ricostruire la dinamica dell’accaduto e ad accertare eventuali mancanze nell’osservanza delle normative di sicurezza sul lavoro.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Lavinia Nocelli
Lavinia Nocelli, classe '94, marchigianamente di Senigallia. Arrivata per la prima volta a Milano nel 2013, ho studiato all'Accademia di Belle Arti di Brera. La mia tesi mi ha portato in Albania, dove ho realizzato un docufilm sulle nuove mete d'emigrazione Italiana, documentando la situazione a Tirana, la capitale. Nel mentre un docufilm in veste di aiuto registra con Francesca La Mantia, "La memoria che resta". Poi il fotoreportage nella "jungle" di Calais, Francia, il campo profughi da cui oltre 10000 rifugiati cercavano di passare i confini per arrivare nel Regno Unito. E i due anni a Parigi, all'Ecole Supérieur de Journalisme, dove ho seguito da vicino le manifestazioni dei Gilet Gialli. Fotogiornalista per Waamoz, scrivo tra Roma e Milano, dove collaboro con Notizie.it. Leggo per passione, scrivo per dovere: scambiate le frasi e aggiungete negativi in bianco e nero. E tanti chilometri in mezzo, percorsi e immaginati.