Roma, si cappotta con la Porsche e fugge lasciando sola l’amica ferita
Cronaca

Roma, si cappotta con la Porsche e fugge lasciando sola l’amica ferita

Roma
Roma

A Roma un italiano di 40 anni si è capottato con la sua Porsche, fuggendo e lasciando in auto l'amica ferita e priva di sensi

Era al volante della sua Porsche Boxter quando si è cappottato all’altezza del civico 100 di via Monti di Primavalle, nell’omonimo quartiere di Roma. L’uomo alla guida, dopo l’incidente, è fuggito lasciando sola la ragazza che era a bordo con lui.

Roma, Porsche capottata

Alla guida dell’auto extra lusso un 40enne italiano. Stando a quanto riferito da Il Messaggero, l’uomo proprietario dell’auto è riuscito a uscire e scappare a piedi. Tuttavia, non si è premurato di verificare le condizioni dell’amica al suo fianco. La ragazza, seduta al suo lato, era infatti ferita e priva di sensi.

Immediato il ricovero al Policlinico Gemelli di Roma. I fatti si sono verificati nella mattinata di venerdì 19 luglio 2019, informa ancora Il Messaggero. Una volta fuggito dall’abitacolo, il 40enne avrebbe cercato riparo presso la casa di un amico. L’uomo era ancora sporco di sangue. Facile quindi la sua individuazione. Dopo essere stato rintracciato, è stato portato anche lui al policlinico della Capitale per medicare le ferite e per eseguire i dovuti accertamenti.

Lì è stato ricoverato in codice rosso. Gli agenti del Gruppo Nomentano della Polizia Locale hanno aperto le indagini e lavorano per la ricostruzione dei fatti.

Oltre 150 vittime e più di 30 mila incidenti stradali a Roma nel solo 2018. Questi i dati resi noti dal Ministero dei Trasporti. E i numeri non sembrano diminuire. Ancora troppi i sinistri avvenuti nella Capitale e in provincia.Ad aggravare la situazione la scarsa manutenzione cittadina. I dati aggiornati al 13 dicembre 2018 riportano una crescita delle vittime (pari a 153), tra Roma e provincia.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Asia Angaroni
Leva 1996, varesotta di nascita milanese di adozione. Dall’amore per la stampa e la verità alla laurea in Comunicazione. Amante della letteratura e dell’arte, alla ricerca costante di sapienza e cultura. Appassionata di cronaca sportiva e di inchieste, desiderosa di fare della parola il proprio futuro.