Libero e il caso Rackete: “In Procura senza il reggiseno”
Cronaca

Libero e il caso Rackete: “In Procura senza il reggiseno”

"Carola Rackete senza reggiseno in Procura: sfrontatezza senza limiti, il dettaglio sfuggito a molti"

Il quotidiano Libero è celebre per i suoi titoli sempre estremamente fuori luogo. Come scordare “Calano fatturato e PIL ma aumentano i gay” o l’elegantissimo “Dopo la miseria, portano malattie”. Questa volta il tasto dolente, tanto da crearci un caso, è la mise di Carola Rackete in Procura ad Agrigento.

Libero: “In procura senza reggiseno”

L’edizione online del quotidiano Libero, ha voluto dire la sua sull’interrogatorio di Carola Rackete ad Agrigento. Il focus principale dell’articolo, non è ovviamente di origine politica. Anzi, ancora una volta hanno toccato e montato un caso totalmente inutile. L’abbigliamento di Carola Rackete. La capitana infatti, si è presentata in procura con una maglia nera che lasciava intravedere le forme naturali di un corpo femminile. È forse troppo?

Come da copione all’interno dell’articolo si sono limitati a descrivere in maniera eccellente la mise della giovane Carola, ma il titolo ancora una volta lascia trasparire molto di più: “Sea Watch, Carola Rackete senza reggiseno in Procura: sfrontatezza senza limiti, il dettaglio sfuggito a molti”.

I commenti dei lettori

Sotto ad ogni articolo, il quotidiano Libero, lascia spazio ad un dibattito tra gli utenti.

Numerosissimi i messaggi penosi e sessisti da parte dei leoni da tastiera. Per citarne qualcuno tra i più miti vi riproponiamo questi: “Scusate e a che cosa sarebbe dovuto servire il reggiseno? A tener su i brufoli?” oppure “Chi è quello con i baffi?”.

Purtroppo il fenomeno dell’odio gratuito è sempre più spesso presente nella vita di tutti i giorni, soprattutto via web. Indipendentemente dalle idee politiche, la domanda ora sorge spontanea, questo articolo, era necessario?

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Marco Bruto
Marco Bruto, nato a Milano l'11 novembre 1995, laureando in "Scienze Sociali per la globalizzazione". Ho effettuato un tirocinio presso TMS, gruppo specializzato nella gestione di testate giornalistiche. Completano il mio profilo una forte passione per il giornalismo, i viaggi, la cronaca e gli esteri.