×

Tragedia in ospedale: 38enne morta mentre dava alla luce il figlio

La donna avrebbe accusato un malore mentre era in sala parto: gli sforzi per salvarla si sono rivelati inutili.

tragedia ospedale

Ennesima tragedia in corsia, questa volta nel reparto maternità dell’ospedale di Patti, in provincia di Messina. Una donna ha infatti perso la vita nella tarda mattinata di ieri mentre stava dando alla luce il suo bambino con un parto naturale.

Angela Pintaudi, 38enne, era nel pieno del travaglio quando all’improvviso, durante le spinte, ha accusato un malore perdendo improvvisamente i sensi. I medici sono subito intervenuti per rianimarla, ma tutti gli sforzi sono stati inutili: la donna non ce l’ha fatta, mentre il bambino che portava in grembo è nato.

Tragedia in ospedale: morta una donna

Secondo una prima ricostruzione operata dalla struttura ospedaliera, la donna avrebbe accusato delle complicanze che sono sfociate in un fatale arresto cardiaco.

I familiari della donna, dopo aver appreso la drammatica notizia, hanno subito allertato la Polizia che è intervenuta in ospedale e ha avviato un’indagine. Il primo obiettivo è l’acquisizione di documenti, cartelle cliniche e testimonianze. Nel frattempo il direttore sanitario dell’Asp di Messina ha detto di aver avviato un’indagine interna: “Al momento posso solo esprimere tutto il nostro profondo dispiacere per la morte della paziente” ha detto il medico.

Chi era Angela Pintaudi

La notizia della scomparsa della mamma ha fatto il giro di tutto il paese e ha scosso profondamente la comunità di Sant’Angelo di Brolo, paese di origine della vittima. Come riferiscono i quotidiani locali, Angela era molto conosciuta nella zona per la sua attività di violinista. Tante le persone che hanno voluto ricordarla sui social: “Il dolore attanaglia tutti i nostri cuori per la scomparsa della collega Angelina Pintaudi.

Non esistono parole idonee per poter esprimere tutto il nostro cordoglio” hanno scritto sulla pagine Facebook della Scuola Civica di Musica Mario Aspa.

Contents.media
Ultima ora