×

Coronavirus, a Pavia coniugi morti a 4 ore di distanza senza un addio

La moglie era stata la prima a risultare positiva al Coronavirus, poi il marito: sono morti a Pavia a distanza di 4 ore l'uno dall'altra.

Coronavirus Pavia
Coronavirus Pavia

Il Covid-19 continua a mietere vittime in Italia e nel mondo. Se è vero che quando si muore si è completamente soli, con il Coronavirus lo si è ancora di più: così è successo a due coniugi di Pavia, morti a distanza di 4 ore l’uno dall’altra senza neppure dirsi addio.

Il Covid-19 è un male invisibile, microscopico, ma i suoi effetti pesano come macigni a livello mondiale. Vite fatte di amori, ricordi, sacrifici, traguardi raggiunti con sforzo e passione: tutto scompare in un istante. E al proprio fianco non si ha nessuno. Nessun parente pronto ad accudire i suoi cari, nessun affetto accompagna il paziente nel corso della malattia. Neppure un funerale degno del dolore e della sofferenza provocati dalla perdita di una persona amata.

Coronavirus, i coniugi morti a Pavia

Marito e moglie di 66 e 64 anni sono morti all’ospedale San Matteo di Pavia. “In salute e in malattia”, ma neppure la morte li ha divisi: dopo una vita trascorsa l’uno al fianco dell’altra, il Coronavirus li ha costretti al ricovero in ospedale.

Il quadro clinico dei due coniugi è lentamente peggiorato, fino alla morte, avvenuta nello stesso giorno a distanza di quattro ore.

I due vivevano a Garlasco, nel Pavese. Lei infermiera, lui agricoltore, da due settimane erano risultati positivi al Covid-19. È stata la donna la prima ad aver contratto il virus, contagiando poi il marito e la figlia di 28 anni. Quest’ultima, riscontrata la positività al Coronavirus, è stata a sua volta ricoverata in ospedale, dove attualmente è in quarantena. Il figlio 38enne, invece, è in isolamento in Toscana dove lavora.

La donna lavorava in un laboratorio analisi e aveva prestato servizio in alcune case di riposo nella zona. È lì che sarebbe stata contagiata. A farlo sapere è la Provincia Pavese. Dopo aver riscontrato i primi sintomi, era rimasta chiusa in casa, convinta di curare una bronchite. Nel frattempo sono stati infettati il marito e la figlia: i tre, infatti, sono stati sottoposti al tampone e risultati positivi. Il primo a morire è stato l’uomo, dopo quattro ore la moglie. Ora si spera in una pronta guarigione della figlia, la quale dovrà far fronte all’immenso dolore dovuto alla perdita dei genitori.

“Mi spiace tantissimo, sono rimasto veramente colpito da questa tragedia. Erano due ottime persone e non lo dico perché non ci sono più. Lui quando ci incontravamo mi fermava sempre per scambiare due parole. Carlo era un agricoltore molto apprezzato, veramente un’ottima persona”. Così ha ricordato Pietro Farina, sindaco di Garlasco.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora