×

Coronavirus, infermieri di Prato stampano i loro volti sulle tute

Le foto dei volti degli infermieri stampate sulle tute utilizzate per proteggersi dal Covid-19.

volto infermieri Prato

Le foto dei volti degli infermieri del reparto di terapia intensiva dell’ospedale Santo Stefano di Prato sono stampate sulle tute utilizzate per proteggersi dal Covid-19. È questa l’idea del team di infermieri per mostrare la propria vicinanza ai pazienti.

Volti degli infermieri sulle tute

Come raccontato al quotidiano La Nazione da Beatrice Bettazzi, coordinatrice infermieristica della terapia intensiva Covid: “Siamo tutti uguali, senza una faccia, senza un nome, dobbiamo lavorare ed assistere i pazienti avvolti da uno scafandro, nascosti dalle tute, coperti da visiere, cuffie, calzari e mascherine.

Ci manca il contatto con i nostri pazienti, costretti ad essere soli, senza la vicinanza dei loro cari, impauriti per quello che può accadere. Abbiamo pensato ad un modo per comunicare con loro anche indossando una barriera contro il contagio, per rompere le distanze e farci riconoscere”.

Per poi aggiungere: “È stata una idea immediata. Nel nostro reparto arrivano i pazienti più gravi, nei loro sguardi c’è la paura, la solitudine, la sofferenza.

Tutto il team degli infermieri ha cercato di trovare un sistema per comunicare con gli ammalati e per essergli più vicini. Quando ci hanno visti entrare con le tute personalizzate dalle nostre foto, ci hanno sorriso, qualcuno si è commosso e per noi è stato un momento toccante, che ci ha emozionato e che non scorderemo mai”.

Ogni operatore, d’altronde, ha una propria storia alle spalle e mostrando i propri volti, seppur in fotografia, hanno voluto mostrare la propria vicinanza ai pazienti. “Ci sono stati momenti in cui abbiamo pensato di non farcela”, hanno infatti raccontato gli infermieri. “Ma lo spirito di squadra è stato prevalente, ci siamo aiutati e supportati in ogni momento”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora