×

Coronavirus vaccino: “La prima fiala potrebbe arrivare a settembre”

Condividi su Facebook

Dallʼazienda Catalent di Anagni che produce il vaccino fanno sapere che la prima fiala potrebbe arrivare entro settembre.

coronavirus vaccino
coronavirus vaccino

Dopo la nuova risalita della curva epidemica del coronavirus, per la quale anche l’Oms ha lanciato un allarme, torna a farsi sentire l’esigenza di un vaccino. Continuano gli studi per individuare una cura in grado di debellare il Covid-19, ma i risultati sembrano ancora incerti.

Mentre il ministro Speranza raccomanda l’uso della mascherina fino a quando non sarà disponibile il vaccino, Bill Gates si dice fiducioso sull’imminente produzione della cura. Intanto dallo stabilimento italiano che realizza il vaccino arrivano notizie positive.

Coronavirus, stabilimento italiano che produce vaccino

Le telecamere di “Quarto Grado” hanno seguito gli studi all’interno dello stabilimento italiano che produce il vaccino. Si tratta del polo farmaceutico di Anagni, dove si lavora per garantire la disponibilità del vaccino per il coronavirus entro settembre. Gli scienziati impegnati nelle ricerche vorrebbero che il vaccino, realizzato a Pomezia e sperimentato a Oxford, sia in produzione dopo l’estate.

Barbara Sambuco, General Manager dell’azienda, intervistata da “Quarto Grado”, ha spiegato: “La prima fiala potrà uscire da qui non prima di settembre”.

Non mancano parole di rassicurazione: “Noi saremo pronti sicuramente per agosto, ma credo che tra settembre e ottobre sarà il momento in cui vedremo uscire da qui la prima fiala di vaccino”.

“Il nostro compito è quello di farci trovare pronti, per far in modo che questo vaccino arrivi il più presto possibile e al più grande numero di persone possibile“, ha aggiunto il presidente di Catalent Europa, Mario Gargiulo.

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Asia Angaroni

Nata a Varese, classe 1996, è laureata in Comunicazione. Collabora con Notizie.it.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.