×

Coronavirus, Sileri: “Contagio zero mai fino a vaccino o mutazione”

Il viceministro alla salute, Pierpaolo Sileri, è di recente intervenuto sull'argomento coronavirus

sileri 768x432

Il viceministro alla salute, Pierpaolo Sileri, è di recente intervenuto sull’argomento coronavirus. Ecco quanto dichiarato in merito ai microfoni di Rai Radio 1.

Le parole di Pierpaolo Sileri

Intervenuto a “In Vivavoce” su Rai Radio 1, il viceministro alla salute Pierpaolo Sileri a proposito del Covid-19 ha dichiarato: “Purtroppo contagio zero non potremo mai averlo finché il virus circola, finché non avremo un vaccino o l’immunità di gregge, o magari il virus muta. Io lo spero, ma al momento non mi sembra stia mutando. Quello che vedo è che il virus circola poco grazie a quello che abbiamo fatto.

Noi dobbiamo combattere i focolai: individuarli, poi fare i tamponi e quarantenare i positivi e gli stretti contatti”.

Per poi aggiungere: “Il virus continua a circolare, non dobbiamo abbassare la guardia. Serve una strategia comunitaria. È vero che siamo preoccupati da Paesi come il Brasile o il Bangladesh, ma attenzione: ogni Paese europeo può avere una recrudescenza”.

In merito alla mascherina Sileri ha aggiunto: “La mascherina oggi dobbiamo averla nel taschino, come gli occhiali. Deve essere un uso e costume di ognuno di noi”. Per poi concludere: “La situazione può modificarsi. C’è il problema delle isole e della movida a Roma e a Milano. Serve buon senso: la mascherina te la metti se c’è meno di un metro di distanza. Anche all’aperto”.

A tal proposito lo stesso viceministro alla salute, Sileri, nel corso di un’intervista rilasciata qualche settimana fa al Corriere della Sera aveva dichiarato: “quello che è stato fatto in Italia ha funzionato e continuerà a funzionare.

Basta usare il buon senso e indossare la mascherina. Però al minimo segnale d’allarme, un colpo di tosse con febbre, restiamo a casa e chiamiamo il medico”. Per poi aggiungere: “Il contagio zero non ci sarà mai, fino all’arrivo del vaccino. Vincere la battaglia col virus non significa eliminarlo. Vuole dire passare da un’ondata violenta ad una fase di controllo”.

Contents.media
Ultima ora