×

Nuova mutazione della variante inglese: sarebbe più contagiosa

C'è una nuova mutazione della variante inglese, la E484K di Bristol.

Nuova mutazione variante inglese

In Gran Bretagna resta molto alta l’attenzione per la circolazione del coronavirus, in quella zona del mondo fortemente velocizzata dalla presenza dell’ormai nota variante inglese che ha costretto il paese ad un lockdown abbastanza serrato. Non arrivano buone notizie in tal senso da Bristol, nella parte sud-occidentale del Paese, dove è stata rilevata la presenza di un’ulteriore mutazione della variante inglese che sarebbe ancora più contagiosa della precedente.

È stata identificata con la sigla E484K e avrebbe generato al momento una ventina di casi riscontrati, ma potrebbero essere molti di più. Nello specifico 14 hanno riguardato la città di Bristol, mentre gli altri provengono da due caseggiati di Manchester.

Nuova mutazione della variante inglese

Stando a quanto riferito dai consulenti governativi del New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group (Nervtag), la mutazione appena scoperta sarebbe più contagiosa rispetto alla precedente che era stata tracciata per la prima volta nella zona meridionale del Paese, a Kent.

L’allerta è dunque massima e si cerca in tutti modi di riuscire a bloccare sul nascere questa nuova mutazione della variante.

Una situazione analoga si registra poi a Liverpool dove un’ulteriore variante sembrerebbe essere alla base di 76 nuovi contagi. Anche in questo caso, rispetto alle comuni varianti che si generano in continuazione, questa sarebbe decisamente più infettante e dunque l’obiettivo di coloro che hanno il compito di arenare la diffusione del virus e di riuscire a contenerla il più possibile.

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Riccardo Castrichini

Nato a Latina nel 1991, è laureato in Economia e Marketing. Dopo un Master al Sole24Ore ha collaborato con TGcom24, IlGiornaleOff e Radio Rock.

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora