×

Didier Drogba: tutte le reti della Premier League

Condividi su Facebook
Didier Drogba
Didier Drogba si prepara a insaccare il pallone alle spalle di Manuel Neuer: è il rigore che darà al Chelsea la Champions League 2012.

Alla scoperta di Didier Drogba, uno dei più grandi calciatori africani di sempre e bandiera del Chelsea.

Attualmente è svincolato, ma al momento non pensa minimamente al ritiro, malgrado l’imminente trentanovesimo compleanno (il prossimo 11 marzo): l’ivoriano Didier Drogba uno degli ultimi samurai del calcio, insieme agli italiani Gialuigi Buffon e Francesco Totti, che ancora calcano i campi – con un certo successo, peraltro – indifferenti alle ingiurie del tempo.

Alfieri di quella generazione nata nella seconda metà degli anni Settanta che rappresenta, forse, la nidiata d’oro per eccellenza della storia del football moderno. E ora che anche il suo amico ed ex compagno di squadra Frank Lampard ha annunciato il proprio ritiro, rimangono solo lui e John Terry a rappresentare sul campo la memoria del Chelsea di José Mourinho (mentre quello di Roberto Di Matteo che vinse la Champions League nel 2012 in casa e a discapito del Bayern Monaco – con un gol in extremis e poi un rigore decisivo nella lotteria finale proprio di Didier Drogba – vanta ancora qualche “superstite”).

Nato ad Abidjan, capitale della Costa d’Avorio, Didier Drogba ha iniziato a giocare a calcio in Francia, dove è emigrato all’età di cinque anni, ospite di alcuni parenti a loro volta calciatori. Dopo gli esordi giovanili nell’Abbeville, nel Vannes e infine nel Levallois, arriva il professionismo con la maglia del Le Mans. Quindi arrivano il Guingamp e l’Olympique Marsiglia, prima del passaggio al Chelsea. Con la maglia dei Blues, Drogba mette a segno 104 reti in 254 incontri in Premier League, cui vanno aggiunti altri 60 gol in 137 presenze nelle altre competizioni: fra questi ultimi, vanno segnalate soprattutto le 36 reti in 74 presenze in Champions League, con un contributo determinante – come poc’anzi segnalato – nella inaspettata conquista della Champions League 2012.

In quella stagione, Drogba era in scadenza di contratto, e in procinto di trasferirsi in Cina, allo Shanghai Shenhua (esperienza che si concluderà dopo sei mesi, con il ritorno in Europa, al Galatasaray), e la finale era la sua ultima partita ufficiale con i Blues (in realtà, dopo due anni, si concretizzò un clamoroso comeback, durato lo spazio di una stagione, prima di un nuovo trasferimento al Montreal Impact). Inoltre, il Chelsea aveva attraversato una lunga crisi in campionato, che aveva comportato l’esonero del giovane allenatore portoghese André Villas-Boas, e il ritorno a Stamford Bridge della vecchia bandiera Roberto Di Matteo.

Ebbene, l’asso ivoriano si congedò con una rete e un rigore decisivi, imprimendo per sempre il proprio nome nella storia del club londinese.
A quanto pare, Didier Drogba non ha ancora concluso la sua carriera giramondo, che lo ha già portato a esibirsi sui campi di calcio di quattro continenti. Pare infatti che il club brasiliano del Corinthians sia disposto a ingaggiarlo. E per convincerlo, oltre a un sostanzioso stipendio, gli avrebbe promesso anche un’automobile blindata.

Basterà a convincere uno dei calciatori africani più forti di sempre a tentare questa nuova avventura?


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.