Cannabis light, è boom: più 75% growshop in un anno
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Cannabis light, è boom: più 75% growshop in un anno
Economia

Cannabis light, è boom: più 75% growshop in un anno

cannabis light

Grande successo in Italia della cannabis light dopo la sua liberalizzazione, con 305 nuovi growshop nel 2018. L'Europa aggredisce il mercato.

La cannabis light piace agli italiani. Nel 2018 sono stati aperti almeno 305 nuovi growshop, ovvero quei negozi specializzati in articoli e attrezzature per la coltivazione e il giardinaggio ma con un occhio di riguardo al mondo della canapa. In totale sono almeno 713 questo tipo di esercizi con una crescita del 75% rispetto al 2017.

Cannabis light, è boom

Un vero e proprio boom, come sottolinea in una nota Magica Italia, la prima e unica guida italiana della rivista Dolce Vita dedicata al mondo della cannabis. In media nel 2018 sono stati aperti infatti 3 nuovi growshop per Provincia. Una eccezione l’area di Sassari e Alessandria, che hanno subìto invece delle chiusure.

Grande successo a Roma ma anche a Milano e Torino, con un vero e proprio exploit di Verona e Rimini. La Regione con più growshop è ancora la Lombardia, mentre l’Emilia Romagna scende e cede il secondo posto al Lazio che nel 2018 ha registrato più aperture in assoluto (+63).

Il Veneto sale invece in un anno di ben sei posizioni, aggiudicandosi il quarto posto in classifica.

Chi si reca in un growshop sembra avere le idee molto chiare. Il cliente tipo chiede prima di tutto la cannabis light, ovvero le infiorescenze di canapa a contenuto legale di THC. Al secondo posto i semi di cannabis: ne esitono almeno 300 varianti, grazie agli incroci tra le tre principali varietà (Sativa, Indica e Ruderalis). Anche se i semi vengono commercializzati a solo scopo di collezione, al terzo posto delle vendite si confermano gli articoli per la coltivazione e il giardinaggio, dalle lampade ai fertilizzanti, dalle serre domestiche ai manuali.

Un mercato stupefacente

A riprova del successo della cannabis light la notizia, diffusa nel novembre 2018, che “il fondo canadese LGC Capital verserà 4,8 i milioni di euro per ottenere il 47% di una nota società italiana, leader nella produzione, distribuzione e vendita di cannabis light nel nostro Paese” come sottolinea Matteo Gracis, Direttore di Dolce Vita.

“Secondo l’European Cannabis Report, – evidenzia infine – nei prossimi dieci anni l’Europa potrebbe vantare il più grande mercato di cannabis al mondo con un valore di 115 miliardi di euro”.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche