Glasgow, feci di piccione in ospedale: muore bambino | Notizie.it
Glasgow, feci di piccione in ospedale: muore bambino
Esteri

Glasgow, feci di piccione in ospedale: muore bambino

Queen Elizabeth Hospital Glasgow
Queen Elizabeth Hospital Glasgow

Si trovava ricoverato al Queen Elizabeth Hospital quanto contrae il Cryptococcus neoformans. Una commissione apposita esaminerà il caso.

Un’infezione anomala per le feci di piccione e un bambino perde la vita. E’ accaduto a Glasgow presso l’ospedale Queen Elizabeth. Si tratta di un fatto inusuale e per questo è stata aperta una commissione apposita. Intanto, sono stati avviati i lavori di manutenzione.

Contrae un’infezione, muore un bambino

Si trovava ricoverato in ospedale ed è morto per un’infezione derivante dal contatto per via aerea con le feci di piccione. La vittima è un bambino scozzese e il fatto è accaduto al Queen Elizabeth University Hospital di Glasgow. Si tratta di un fatto inusuale perchè raramente gli escrementi dei volatili causano malattie negli esseri umani sani e, per vederci chiaro, è stata istituita una commissione apposita per indagare su questa triste vicenda. Inizialmente tracce di feci di piccione sono state trovate in un’area dove non ci sono stanze per i pazienti, ma solo macchinari. Secondo quanto riportato da Fanpage, il piccolo – di cui non si conosce il nome e l’età per questioni di privacy – sarebbe deceduto dopo aver contratto il Cryptococcus neoformans, un parassita che si trova facilmente nei luoghi popolati dai piccioni.

Arrivate altre denunce

La morte del bambino e la conseguente diffusione della causa del decesso, ha generato il caos e molti altri pazienti hanno iniziato a denunciare quanto gli era capitato.

Sophie Fyffe, 41 anni, ha il marito affetto da sclerosi multipla ed era stato ricoverato al Queen Elizabeth per una risonanza magnetica. Dopo la morte del piccolo, la donna è preoccupata che anche il marito possa ammalarsi della stessa infezione. Troppe le feci di piccione depositate sui sistemi di ventilazione, per cui sono stati avviati i lavori di manutenzione e di pulizia.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche