Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Nuova Zelanda, violento terremoto magnitudo 7.2
Esteri

Nuova Zelanda, violento terremoto magnitudo 7.2

terremoto pacifico

Il violento sisma si è verificato nell'arcipelago della Isole Kermadec, a nord della Nuova Zelanda.

Un violentissimo terremoto ha colpito l’oceano Pacifico e in particolare le Isole Kermadec. Poco prima dell’1 di notte (ora italiana, ndr) la terra ha tremato a causa di un sisma che gli esperti hanno classificato con magnitudo 7.2. Un seconda scossa ha poi colpito la zona nella mattinata di domenica. Gli esperti hanno classificato questo nuovo sisma al grado 6.5. L’arcipelago colpito fa capo alla Nuova Zelanda, e si trova a metà tra l’isola principale e l’arcipelago di Tonga. Proprio quest’ultimo è stato colpito da un altro sisma poco prima, alle 23.56. Anche in questo caso si è trattato di una scossa fortissima, 6.1, con epicentro a 10 chilometri di profondità. In nessuno dei casi ci sono notizie di danni a cose o persone.

Scossa violenta

In un primo momento la protezione civile neozelandese aveva fatto sapere di non escludere il pericolo tsunami, che in ogni caso non avrebbe raggiunto dimensioni tali da poter preoccupare.

L’allarme è stato però ritirato qualche ora dopo. Anche il centro allarme tsunami Pacifico ha infatti cancellato l’allerta, avvertendo che comunque “possono registrarsi piccole fluttuazioni del livello del mare nelle zone più vicine all’epicentro”. Le Isole Kermadec si trovano a circa 872 chilometri dalla città neozelandese di Ngurunguru e il luogo dove è avvenuto il sisma risulterebbe disabitato, motivo per il quale non sono stati registrati gravi disagi.

I precedenti

Dei terremoti avvenuti in passato nella zona, si ricorda quello del 2006. Un scossa violentissima, classificata al grado 7.6 della scala Richter. In quell’occasione il terremoto fu avvertito anche in centri abitati distanti dal luogo dell’epicentro, come Christchurch, a sud della Nuova Zelanda.


© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche