×

Il Principe Filippo ha un’infezione: prolungato il ricovero

Non è ancora tempo di dimissioni per il principe Filippo, il marito 99enne della regina Elisabetta, ricoverato da ormai una settimana a Londra.

Ricoverato il principe Filippo

Il principe Filippo, ricoverato da ormai una settimana a Londra, ancora non può far rientro a casa: smentite, dunque, le voci che parlavano di una dimissione in tempi brevi. Il motivo del ricovero? Un’infezione, a quanto sembra. 

LEGGI ANCHE>> ll principe Filippo è stato ricoverato in ospedale: misura precauzionale.

Il principe Filippo ha un’infezione, si allunga il ricovero in ospedale

In un primo momento si era parlato di un ricovero precauzionale, dopo un malore che il principe aveva avuto. Ma fino a questo momento, Filippo ha trascorso l’ultima settimana in un’ala privata del King Edward VII’s Hospital, nel centro di Londra. In poche parole, questo sta a significare solo che l’uomo è in condizioni molto agiate, ma in particolar modo significa che le terapie stanno funzionando.

Importante sottolineare che il malessere del principe non ha alcun tipo di legame con il  Covid, considerando anche che Filippo ha ricevuto il vaccino a inizio di quest’anno, insieme a sua moglie.

Piuttosto, è da ricordare che nel lontano 2017, il principe già era stato ricoverato per lo stesso motivo, ossia per un’infezione.

Inoltre, la buona notizia è che i Windsor sono molto ottimisti per le condizioni di salute dell’anziano principe, nonostante appunto la sua età. Lo stesso erede al trono, il nipote William, ha rassicurato i sudditi sullo stato di salute del nonno. 

Nonostante le visite siano ridotte al minimo, per via delle restrizioni anti Covid, il marito di Kate Middleton è stato il secondo membro della famiglia a far visita al principe in ospedale.

Per quanto riguarda Harry, invece, nel 2019 si è trasferito con il figlio Archie e la moglie Meghan Markle, la quale è nuovamente incinta per la seconda volta, negli Stati Uniti. Tuttavia, si dice pronto a partire subito, qualora fosse necessario per il nonno, alla volta del il Regno Unito.

Contents.media
Ultima ora