×

Fedez contro il Vaticano: “Non paga tasse immobiliari ma dice che l’Italia sta violando il concordato”

Fedez si è espresso contro il Vaticano che ha chiesto allo Stato Italiano la modifica del DDL Zan perché violerebbe il Concordato.

Fedez

Fedez ha commentato via social quanto chiesto formalmente dal Vaticano allo Stato Italiano, chiedendo la modifica del DDL Zan perché secondo la Segreteria Vaticana violerebbe “l’accordo di revisione del Concordato”.

Fedez contro il Vaticano

Come molte altre celebrità anche Fedez si è espresso contro quanto chiesto dalla Segreteria del Vaticano allo Stato Italiano, ossia la modifica del DDL Zan perché violerebbe l’accordo di revisione del concordato.

Il rapper marito di Chiara Ferragni, da tempo sostenitore del disegno di legge, ha commentato la vicenda – senza precedenti – tramite social, scagliandosi apertamente contro il Vaticano: “Riassumendo: il Vaticano che ha un debito stimato di 5 miliardi di euro su tasse immobiliari mai pagate dal 2005 ad oggi per le strutture a fini commerciali dice all’Italia ‘guarda che con il Ddl zan stai violando il concordato’”.

Il rapper ha anche tuonato: “Ma non avevamo concordato che ci davate delle tasse arretrate sugli immobili? L’Ue aveva stimato cinque miliardini forse di più… Magari dateci quei soldini, ci servono per fare andare avanti il Paese”.

E ancora: “E comunque, siamo uno Stato laico… Un’altra cosa, fatemi capire, voi potete mettere becco sulle leggi italiane però quando in Italia viene ‘sgamato’ uno dei quei pretini pedofilini che gli piace toccare i bambini, mi spiegate perché quando succedono cose come queste, il pretino non viene processato dalla giustizia italiana?”

Fedez: il ddl Zan e le polemiche

Come molti altri personaggi del mondo dello spettacolo italiano Fedez si è da subito schierato a favore del disegno di Legge di Alessandro Zan e l’ostruzionismo da parte di numerosi deputati della Lega contro di esso.

Il rapper ha anche tenuto un lungo monologo a sostegno del DDL Zan durante il concerto del 1° maggio e a seguire ha denunciato pubblicamente alcuni dirigenti Rai che avrebbero tentato di “censurare” il suo discorso. La questione ha scatenato una vera e propria querelle tra Fedez e l’emittente tv, che ha rinnegato le accuse.

Fedez: i vip a sostegno del DDL Zan

Come Fedez molti altri volti del mondo dello spettacolo si sono espressi a favore del DDL Zan e contro il comunicato della Segreteria Vaticana.

Tra loro anche Paola Turci ed Elodie, che sui social ha scritto: “Ringrazio i miei genitori che non mi hanno battezzata”.

Contents.media
Ultima ora