×

Ab medica: "Telemedicina realtà oltre l'emergenza Covid-19"

Condividi su Facebook

Roma, 1 giu. (Adnkronos Salute) – La pandemia da Coronavirus ha messo in luce la grande importanza della telemedicina, che rappresenta a tutti gli effetti il fulcro della medicina moderna e sostenibile. Grazie a nuovi processi organizzativi e tecnologici permette infatti, da una parte di eliminare le barriere di distanza, tempo e costi per l'accesso alle cure, dall’altra di non esporre, in situazioni di emergenza come quella causata dal Covid-19, il personale sanitario e i pazienti stessi al rischio di infezioni.

È quanto emerso da un incontro promosso da ab medica, azienda specializzata nella produzione e distribuzione di tecnologie medicali.

L'azienda – si legge in una nota – è stata una delle prime realtà italiane a capire in anticipo, oltre un decennio fa, l’importanza della telemedicina, e da tempo sostiene lo sviluppo di questo modello di cura, distribuendo tecnologie di altissimo livello, come il dispositivo WinMedical, le soluzioni di InTouch o la piattaforma per il telemonitoraggio domiciliare TelbiosConnect.

Non solo, ab medica e le aziende del Gruppo, supportano e formano le aziende ospedaliere sia pubbliche che private a 360°. Al di là dell’emergenza coronavirus che ha sconvolto il mondo intero – sottolinea l'aziendasi nella nota – la telemedicina rappresenta infatti una soluzione sostenibile per il Sistema sanitario nazionale che è da anni messo sotto pressione dal progressivo invecchiamento della popolazione e dall’aumento dei tassi di cronicità delle malattie che questo fenomeno comporta.

"L’emergenza Covid-19 ha indubbiamente mutato non solo la domanda di cure, ma proprio la concezione di sanità. Basti pensare a come, una parola quale ‘telemedicina’ (fino a pochi mesi fa velata di un certo mistero), oggi detti l’agenda dell’informazione. I cittadini richiedono televisite, teleconsulti, telemonitoraggio e, come avviene quando nasce una domanda, in breve tempo è venuta a delinearsi un’offerta", commenta Francesca Cerruti, direttore generale di ab medica. "Sono comparsi sulla scena innumerevoli attori – continua – con più o meno esperienza.

In questo frangente ab medica può dire di essere un player competente che ha maturato la propria esperienza in oltre un decennio".

"C’eravamo prima della pandemia – assicura Cerruti – a fianco di pazienti cronici e soggetti fragili per offrire soluzioni di telemonitoraggio domiciliare che garantissero una continuità assistenziale, prevenendo l’acuzie ed evitando il ricovero in ospedale. Ci siamo stati durante la fase più critica della pandemia, supportando gli ospedali con device per il telemonitoraggio ed il teleconsulto ospedaliero al fine di contenere il contagio senza mai interrompere l’erogazione delle cure.

Vogliamo esserci domani e metterci a disposizione del sistema sanitario per ripensare insieme un sistema di cure a distanza, più capillare e interconnesso, in grado di garantire una reale presa in carico dei

"Il coronavirus e l’emergenza sanitaria che con esso si è verificata – commenta Sergio Pillon, componente del gruppo di lavoro Iss Tecnologie sanitarie per il contrasto Covid-19, membro nell’Osservatorio SaMD, Membro del Digital Health Working Group dell’Epha – non hanno portato alla nascita della telemedicina, bensì hanno confermato, ancora una volta, la fondamentale importanza che questa gioca nel ridisegnare il sistema sanitario attraverso la salute e le cure digitali. Quanto accaduto negli ultimi mesi, ma ancor di più quello che si prospetta per la fase post-Covid, è l’obbligo per i politici, i medici ed i pazienti di riconoscere il momento per concretizzare una sanità a distanza che sappia raggiungere i pazienti, in particolare i profili fragili e cronici".

"Perché ciò avvenga – conclude – appare indispensabile implementare un sistema articolato di salute e cure digitali (la cosiddetta sanità digitale) che comprenda in sé i momenti della televisita, del teleconsulto e del telemonitoraggio: solo garantendo tutti questi aspetti, assicurandone una loro sinergica integrazione, sarà possibile pensare di inaugurare una medicina davvero moderna che garantisca l’accesso al servizio e al contempo soddisfi le garanzie tecnologiche, professionali, organizzative e cliniche ritenute standard imprescindibili di servizio come recitano le Linee Guida del ministero della Salute. Il futuro ci chiede di perseguire un modello di cure che, nel segno della digitalizzazione del sistema possa essere preventivo, proattivo, predittivo, e partecipativo, e adattato ad ognuno, in sintesi personalizzato; in questo nuovo scenario medico e paziente saranno entrambi direttamente coinvolti e stringeranno un patto di collaborazione davvero efficace e realmente inclusivo".


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:

Leggi anche

Coronavirus, nuovo record di casi negli Usa
Flash news

Coronavirus, nuovo record di casi negli Usa

10 Luglio 2020
Washington, 10 lug. (Adnkronos) - Nuovo brutto record per gli Stati Uniti, primo Paese al mondo per numero di contagi a causa della pandemia di coronavirus. In 24 ore si…
Entire Digital Publishing - Learn to read again.