> > GF Vip, Barù fa uno sgambetto agli autori: l'atto osceno non passa inosservato

GF Vip, Barù fa uno sgambetto agli autori: l'atto osceno non passa inosservato

gf vip baru autori

GF Vip, Barù fa uno sgambetto agli autori: l'atto osceno non passa inosservato, ma piace ai fan.

Fin dal suo ingresso al GF Vip, Barù ha dimostrato di essere un concorrente un po’ sopra le righe.

Nelle ultime ore, ad un passo dalla finale, il nobile toscano ha fatto uno sgambetto agli autori, con tanto di atto osceno: il richiamo della produzione è stato immediato.

GF Vip: Barù fa uno sgambetto agli autori

La finale del GF Vip 6 si avvicina e i concorrenti rimasti in gioco non vedono l’ora di tornare alla loro vita di sempre. Quello più insofferente è Barù che, fin dall’inizio, è apparso un po’ infastidito dalle dinamiche del programma.

Non a caso, in un momento conviviale con i coinquilini, il “Vippone” ha sottolineato che gli autori del reality sfruttano a proprio vantaggio le storie personali e non dei concorrenti, in modo da condizionarli anche all’interno della Casa. Delia Duran è intervenuta subito, sottolineando che ciò avviene per aiutarli a “guardarsi dentro, a migliorarsi e a riscoprirsi“. A questo punto, gli autori del GF Vip hanno immediatamente silenziato i microfoni dei “Vipponi”. 

Gesto osceno by Barù

Dopo questo primo sgambetto, Barù ha messo a segno un atto osceno che è apparso come un’altra frecciatina alla regia. I concorrenti sono stati chiamati a scrivere frasi e pensieri profondi su un palloncino bianco da liberare in cielo. Mentre tutti gli altri “Vipponi” hanno aderito in modo entusiastico all’iniziativa, il nobile toscano è stato pungente. Ha disegnato un organo sessuale maschile e, mentre i coinqulini ridevano del gesto osceno, la regia ha urlato: “Barù“. 

Barù richiamato all’ordine

Dall’inizio del GF Vip ad oggi, Barù è stato più volte richiamato all’ordine dagli autori. C’è da dire, però, che più volte il nobile toscano ha sottolineato di non voler essere manipolato. Nei primi giorni di permanenza, ad esempio, si è lamentato più volte perché la produzione lo spingeva ad intrecciare rapporti sentimentali. Di certo, Barulino, rispetto a tanti, non si è piegato alle richieste di “marketing”.