×

Giro d’Italia a Rieti, ciclisti fermi al passaggio a livello ad aspettare l’arrivo del treno

Piccolo inconveniente alla decima tappa del Giro d'Italia, a causa di un passaggio a livello abbassato che ha bloccato temporaneamente la corsa.

giro d'italia

Insolito imprevisto durante la decima tappa del Giro d’Italia, costretto a un’interruzione non programmata a causa di un passaggio a livello abbassato che ha colto di sorpresa i corridori nei pressi di Rieti. Entrando nella città laziale infatti, il gruppo di testa composto da cinque fuggitivi è stato costretto a fermarsi all’altezza di Villa Reatina – non senza qualche protesta – e aspettare che passasse il convoglio ferroviario.

La tappa, con partenza da L’Aquila e arrivo a Foligno, è stata poi vinta dallo slovacco Peter Sagan davanti a Gaviria e Cimolai.

Giro d’Italia a Rieti, ciclisti fermi al passaggio a livello

A causa delle sbarre abbassate del passaggio a livello, i cinque fuggitivi hanno perso oltre quaranta secondi dei tre minuti di vantaggio che avevano accumulato rispetto al gruppo principale. Un ritardo accompagnato da vivaci proteste dei corridori, che sono stati tranquillizzati dal dirigente sportivo Stefano Allocchio.

Un inconveniente del genere – occorso quando mancavano ancora 87 chilometri al traguardo – è ovviamente previsto dal regolamento della corsa rosa, che lo paragona a un guasto meccanico.

Giro d’Italia a Rieti, Peter Sagan vince la decima tappa

Alla fine la decima tappa è stata vinta dal ciclista slovacco Peter Sagan, che si è imposto sul traguardo di Foligno su Fernando Gaviria e Davide Cimolai. Nonostante la vittoria di Sagan la maglia rosa resta saldamente sulle spalle di Egan Bernal, con lo slovacco che si deve invece accontentare della maglia ciclamino della classifica a punti.

La maglia azzurra per il leader del gran premio della Montagna va a Geoffrey Bouchard.

Giro d’Italia a Rieti, escluse fratture per Matej Mohoric 

Nel frattempo restano stabili le condizioni del ciclista Matej Mohoric, vittima di una tremenda caduta durante la nona tappa del Giro d’Italia 2021 Castel di Sangro-Campo Felice, dove il ciclista ha perso improvvisamente il controllo della sua bicicletta mentre era in discesa ed è stato sbalzato in avanti battendo violentemente la testa sull’asfalto. Per fortuna il casco che indossava in quel momento gli ha salvato la vita evitando che subisse conseguenze peggiori.

Secondo l’ultimo bollettino medico infatti, il ciclista sloveno ha riportato un trauma cranico a seguito della caduta. Fortunatamente il corridore non ha riportato fratture che avrebbero potuto compromettergli la carriera.

Contents.media
Ultima ora