Giuria demoscopica significato
Giuria demoscopica significato
Musica

Giuria demoscopica significato

giuria demoscopica
giuria demoscopica

A Sanremo 2018 verrà decisa la graduatoria da televoto, sala stampa, giuria di qualità e dalla giuria demoscopica. Ma cosa vuol dire demoscopico?

A Sanremo 2018, oltre a giuria di qualità, televoto e sala stampa, avrà voce in capitolo nella scelta del vincitore finale, anche la giuria demoscopica. Per le prime tre serate, la parte preponderante del risultato, il 40%, sarà determinato dal televoto. Per votare è sufficiente chiamare il numero 894.001 o mandare un sms al 475.475.1, per ogni utenza saranno a disposizione un massimo di cinque preferenze per serata. Il giudizio della sala stampa – giornalisti esperti in ambito musicale – pesa invece sul 30% del voto. Infine, il restante 30% è dato dal risultato espresso dalla giuria demoscopica. Ma cos’è e da chi è formata, questa giuria? Scopriamolo.

Giuria demoscopica Sanremo, come partecipare

Il significato del termine demoscopico deriva dal sostantivo demoscopia, che significa “indagine statistica dell’opinione pubblica”. L’aggettivo derivato, dunque, ha a che fare proprio con l’osservazione di un fenomeno da parte dell’opinione pubblica. In questo caso, la giuria demoscopica è composta da 300 persone, abituali fruitori di musica, che, attraverso un’applicazione gestita da Ipsos, potranno dare i loro voti alle canzoni in gara.

La scelta dei partecipanti alla giuria è stata affidata proprio alla stessa azienda che svolge analisi e ricerche di mercato. Ipsos si occupa, infatti, della gestione e del controllo di tutte le giurie del Festival di Sanremo (compresa quella degli esperti che interverrà l’ultima sera) da diversi anni.

Il campione scelto

L’azienda specifica che il campione scelto per formare la giuria demoscopica è estremamente vario. Si è scelto tra appassionati e fruitori di musica, abituali consumatori e acquirenti di dischi e concerti. La provenienza dei partecipanti è eterogenea, con rappresentanti da ogni parte d’Italia e, in modo paritario, di entrambi i sessi. Si è cercato, inoltre, di coinvolgere individui di età differenti, il più giovane dei quali ha 16 anni. Questa giuria avrà un peso fondamentale nelle prime tre serate del Festival di Sanremo. In particolare, sarà il voto emerso da questo campione a determinare la classifica provvisoria mostrata nella prima serata. Tale giuria sarà impegnata a votare sia i big in gara che le nuove proposte.

Il meccanismo

Le modalità di voto sono piuttosto semplici.

Ogni partecipante alla giuria vota attraverso un apparecchio fornitogli da Ipsos. Si hanno a disposizione, per ogni serata, 20 punti in totale da assegnare ai cantanti che si esibiscono. Ognuno potrà decidere di votare con un punteggio che va da 0 a 10 una canzone, prestando attenzione alla distribuzione delle preferenze disponibili. I patti sono che vengano assegnati tutti e venti i punti a disposizione, che li si usi per un massimo di 19 cantanti e per un minimo di 10. I voti della giuria, abbiamo detto, andranno sommati a quelli del televoto e della sala stampa per stabilire un indice di gradimento valido per le prime tre serate, che andrà a fare media con quello della quarta.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche