> > Grant Wahl: morto in Qatar il giornalista sportivo che aveva indossato una t-...

Grant Wahl: morto in Qatar il giornalista sportivo che aveva indossato una t-shirt arcobaleno

Grant Wahl

Mistero sulla morte del reporter sportivo

Shock in sala stampa di Mondiali in Qatar 2022, dove nelle scorse ore è giunta la notizia della morte improvvisa e prematura di Grant Wahl, uno dei giornalisti USA in missione nel Paese mediorientale.

Non si tratta di un personaggio qualunque, bensì di un reporter che nei giorni scorsi ha sfidato il regime ultraconservatore del Paese indossando una maglietta rainbow a supporto della comunità LGBT, i cui diritti in Qatar, com’è noto, vengono quotidianamente calpestati.

Morto Grant Wahl: cos’è successo

Wahl aveva soltanto 48 anni e in base alle prime informazioni provenienti dal Qatar si sarebbe spento per un attacco di cuore.

Al giornalista lo scorso 21 novembre era stata negata l’entrata allo stadio prima della partita inaugurale dei suoi Stati Uniti ai Mondiali in Qatar.

Il motivo era proprio quella t-shirt rainbow sfoggiata proprio come sfida alle autorità locali.

In un comunicato rilasciato da parte del suo agent Tim Scanlan si legge:

L’intera famiglia del calcio statunitense ha il cuore spezzato nell’apprendere che abbiamo perso Grant Wahl. Gli appassionati di calcio e di giornalismo di altissima qualità sapevano che avremmo sempre potuto contare su di lui», conclude la nota. Sul suo podcast la scorsa settimana aveva dichiarato di avere la bronchite.

Parla il fratello: “Grant è stato ucciso”

A poche ore dal tragico evento, il fratello del giornalista, Eric, ha parlato via social pubblicando un video dove ha dichiarato di essere gay e, di conseguenza, di essere stato il motivo per cui Grant Wahl aveva indossato quella maglietta. Eric Wahl sostiene che il fratello fosse in salute e che nei giorni scorsi avesse ricevuto minacce di morte. “Mio fratello è stato ucciso!” ha dichiarato l’uomo, in lacrime.