I migliori acceleratori del metabolismo
I migliori acceleratori del metabolismo
Wellness

I migliori acceleratori del metabolismo

Esistono cibi considerati acceleratori del metabolismo che, accostanti a uno stile di vita equilibrato, permettono di regolare le funzioni metaboliche. Vediamo quali sono.

Quali sono gli elementi fondamentali per mantenere un metabolismo equilibrato? Essenzialmente, per avere un metabolismo veloce, capace di rispondere in modo celere alle richieste di energia del corpo, gli ingredienti principali sono tre. Una dieta sana ed equilibrata, un esercizio fisico regolare e un adeguato riposo, di circa otto ore per notte. Uno stile di vita basato su questi fattori, dovrebbe garantire un metabolismo veloce e dinamico. Vediamo, però, quali sono gli alimenti indicati come acceleratori del metabolismo.

Abitudini alimentari corrette

Vengono considerati cibi acceleratori del metabolismo quelli che, grazie alle loro proprietà, favoriscono un consumo più veloce di calorie e regolano le funzioni del corpo. Sono cibi ricchi di antiossidanti e vitamine, capaci di trasformare più velocemente gli alimenti in energia. Frutta, verdura e cereali devono essere alla base della nostra dieta, cerchiamo di variare spesso i cibi che portiamo in tavola e mangiamo lentamente. Masticare a lungo i cibi è un metodo importante per capire in tempo quando sopraggiunge il senso di sazietà.

Vediamo ora quali cibi sono i più indicati per stimolare il metabolismo.

Cibi acceleratori del metabolismo

Tra i cibi acceleratori del metabolismo, troviamo molti alimenti che dovrebbero essere alla base della nostra dieta a prescindere dalla volontà di stimolare o meno il nostro processo metabolico.

Carne magra

La carne, ricca di proteine, è altamente termogenica. I cibi termogenici aumentano la temperatura del corpo – poiché quest’ultimo deve lavorare di più per digerirli – bruciando più calorie. Anche la concentrazione di vitamina B presente nella carne favorisce il naturale aumento del metabolismo.

Verdure contenenti fibre

Le verdure a foglia verde contengono fibre utilissime per aumentare il metabolismo. Il corpo impiega più energia per digerire le fibre, e questo comporta un maggiore dispendio calorico. Le verdure, tra l’altro, aumentano anche il senso di sazietà stimolando gli ormoni che regolano il senso di fame.

Fiocchi di avena

I fiocchi di avena sono carboidrati complessi che necessitano di tempi lunghi per essere digeriti, creando, come per la carne, un effetto termogenico.

Inoltre, i fiocchi di avena mantengono stabili i livelli di insulina e di zuccheri nel sangue.

Noci e semi

Tra i grassi sani che possiamo ingerire, le noci e i semi oleosi sono senz’altro tra i migliori. La frutta secca e i semi contengono omega 3 in grado di diminuire la produzione dell’ormone della leptina, che si pensa possa rallentare i processi metabolici.

Spezie

Le spezie, e in particolare peperoncino, pepe di Cayenna, curry e zenzero, aumentano la temperatura del corpo e sembrano stimolare tantissimo il metabolismo. Le spezie più piccanti fluidificano la circolazione sanguigna.

Tè verde

Il tè verde è ricchissimo di antiossidanti che contrastano l’assorbimento dei grassi e l’invecchiamento cellulare. Berlo regolarmente riduce, tra le altre cose, anche la ritenzione idrica.

Integratori

Per migliorare il processo metabolico è opportuno definire un piano di azione specifico, costituito da una dieta personalizzata e una regolare attività fisica. Questi sono i consigli che darebbe chiunque, ma sappiamo che a volte non bastano.

I numerosi impegni, la mancanza di forza di volontà e l’intolleranza verso alcuni cibi che aiuterebbero nel raggiungimento dell’obiettivo, spesso ostacolano il nostro processo di dimagrimento.

Per questo Amazon corre in nostro soccorso con una grande varietà di integratori, utili a fornirci di tutte le sostanze nutritive di cui l’organismo ha bisogno.

Multipower integratore alimentare

A base di estratti vegetali, questo integratore permette il dimagrimento e la tonificazione delle zone muscolari più colpite, dopo poche settimane di utilizzo.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche