×

La trama del film L’attimo fuggente

default featured image 3 1200x900 768x576

“L’attimo fuggente” (in lingua originale “Dead Poets Society”) è un film del 1989 interpretato da Robin Williams.

Siamo alla fine degli anni ’50 e il professore di lettere John Keating viene trasferito nel collegio maschile “Welton”, di stampo tradizionalista e severo.

Fin dal primo momento il professore si distingue per il suo approccio colloquiale e alternativo ai metodi utilizzati dai proff. del collegio. Celebre la scena in cui fa salire gli studenti sul banco invitandoli a dire ciò che vogliono o quando ordina loro di strappare tutte le pagine dell’introduzione del libro di letteratura perché non è d’accordo con le teorie di comprensione della poesia.

Gli studenti sono inizialmente confusi dall’atteggiamento del professore ma pian piano si lasciano trasportare in questa strada verso la libertà di pensiero.

In particolare uno studente molto sensibile, Neil Perry, è tanto incuriosito da quella persona da fare ricerche in merito e scoprire che il prof, da studente, era membro della Setta dei Poeti Estinti, composta da studenti appassionati di poesia che si incontravano per leggere versi di Walt Withman, Emerson, Thoreau.

Il metodo divergente dai soliti approcci porta gli allievi a crescere e maturare, a conoscersi nella loro interiorità, grazie anche alla poesia.

L’atteggiamento, finalmente rivoluzionario, della classe porterà a molti risvolti, non sempre felici.

Per questa ragione, il prof. Keating sarà costretto ad abbandonare l’istituto non prima di entrare un’ultima volta in classe per raccogliere i suoi affetti e ricevere quello più grande dai propri studenti: Todd sale in piedi sul banco e recita il verso “O capitano! Mio capitano!”. Subito gli altri ragazzi, incuranti del preside su tutte le furie, lo seguono, lasciando al professore un ricordo indelebile di quell’esperienza.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Articoli Correlati

Contents.media
Ultima ora