×

Le regole per il rientro a scuola: mascherine al banco, tamponi al banco e green pass

Le regole per il rientro a scuola tracciate dall'Iss. Mascherina al banco, tamponi a campione e green pass per professori e personale scolastico.

regole rientro scuola

Settembre porta con se quella consuetudinaria sensazione che un nuovo anno stia per inziare. È così sicuramente per la scuola che tra pochi giorni riaprirà le porte agli studenti, operazione già di suo non semplice e immediata, ma che con la pandemia ancora in corso richiede un’attenzione maggiore e delle regole specifiche per il rientro a scuola.

Ques’anno, rispetto agli scorsi segnati sempre dal covid, ci sono degli strumenti in più: c’è il vaccino e c’è soprattutto l’obbligo di green pass per docenti e personale scolastico. Non mancano poi delle novità anche per quanto riguarda gli studenti. Nelle indicazioni strategiche ad interim per il controllo del Covid in ambito scolastico redatte dall’Istituto Superiore di Sanità si fa esplicito riferimento alle mascherine per i bambini dai 6 anni in su, ai tamponi salivari a campione e alle regole per l’educazione fisica e le mense.

Le regole per il rientro a scuola

Iniziamo dalle mascherine. È obbligatorio indossarle a scuola dai 6 anni all’università ed è fortemente raccomandata la mascherina chirurgica in ogni situazione. Solo dove sia possibile mantenere le distanze, le scuole in situazioni particolari, ovvero quello dei bambini più piccoli, potrebbero consentire l’uso delle mascherine di comunità in stoffa. Inoltre, la mascherina potrebbe essere tolta “se le classi sono composte tutte da studenti che abbiano completato il ciclo vaccinale o abbiamo un certificato di guarigione in corso di validità”.

Altra eccezione è rappresentata dalle mense – che dovranno però garantire il giusto distanziamento – e per le lezioni di educazione fisica – dove pdovrà essere garantita una distanza di almeno 2 metri tra gli alunni -.

Le regole per il rientro a scuola: la Dad

Dall’Istituto Superiore di Sanità arriva poi la raccomandazione affinchè scuole secondarie ed università siano “in condizioni di implementare la didattica a distanza in base alle condizioni epidemiologiche”. La Dad, inoltre, potrà essere attivata in via esclusiva in singole scuole o specifiche aree con provvedimenti adottati dei presidenti delle Regioni e dei sindaci in zona arancione o rossa.

Il livello di rischio di un’area non sarà dunque motivo automatico di ricorso alla Dad.

Le regole per il rientro a scuola: i tamponi

Interessante anche quanto deciso per i tamponi. Ogni 15 giorni 55 mila studenti, su base volontaria, a turno per classe e nelle scuole identificate a livello provinciale si sottoporranno al tampone. Si tratta delle cosiddette scuole sentinella, che dovrebbero andare a semplificare il monitoraggio del virus.

Contents.media
Ultima ora