×

Le zecche, cosa sono e perché “attaccano” i nostri amici a quattro zampe. Cure e rimedi

Le zecche sono minuscoli acari che possono essere veicolo di malattie letali per l’animale e talvolta per l’uomo che vi entra in contatto.

zecche cure e rimedi

C’è un piccolo nemico che si insinua nell’erba alta e rigogliosa e potrebbe colpire il tuo amico a 4 zampe: la zecca, un parassita che si presenta di forma tondeggiante, colore e consistenza diversa a seconda della specie e che si nutre del sangue animale mettendo a repentaglio la sua salute. Sì, perché questo minuscolo acaro può essere veicolo di malattie letali per l’animale e talvolta per l’uomo che vi entra in contatto.

Ecco perché è fondamentale essere in grado di riconoscerlo subito e correre ai ripari preservando la salute dell’animale, una volta individuato, con un supporto antiparassitario perfetto, consigliato dal proprio veterinario di fiducia. Solo in tal modo difatti si potrà agire sul fronte della prevenzione, consentendo all’amico a 4 zampe di poter tornare a scorrazzare in giardino in tutta sicurezza.

Le zecche, i parassiti più temuti nel mondo animale

Le zecche, dunque, sono dei parassiti che si nutrono del sangue dell’animale provocandogli alcune gravi patologie come la febbre Bottonosa, l’Ehrlichios, il Morbo di Lyme o la Babesioni, malattie facilmente trasmissibili anche all’uomo. Un pericolo invisibile quindi che, dopo aver succhiato il sangue animale, aumenta di dimensioni (anche fino a raggiungere quasi 1 cm!), tanto da essere facilmente riconoscibile all’occhio umano.

Generalmente questo piccolo nemico tende a prediligere un ambiente in cui le condizioni ambientali siano miti, anche se ormai mostra un ciclo vitale di grande resistenza anche durante tutto l’anno. I periodi di massimo rischio per cani e gatti, però, sono principalmente la primavera e l’estate.

Come ci si può accorgere della presenza di zecche sugli amici a 4 zampe? Ci sono alcuni comportamenti che per i padroni dovrebbero essere un campanellino di allarme. Ad esempio, se l’animale tende a grattarsi in alcuni punti o a mordicchiarsi in determinate zone, è molto probabile che proprio lì ci sia una zecca da dover rimuovere tempestivamente.

Come rimuovere una zecca da cani o gatti: 6 step per un’operazione sicura per il tuo animale

La rimozione di una zecca dal cane o dal gatto è un’operazione molto delicata che deve essere eseguita con la massima attenzione per evitare che il sangue infetto del parassita possa accidentalmente contagiare l’animale stesso, tanto infatti che è sconsigliato schiacciare la zecca dopo averla estratta al fine di evitare che le uova di esemplari femmine possano spargersi. Gli step da seguire, dunque, sono almeno 6:

  • Dopo aver afferrato l’animale (senza spaventarlo), detergere delicatamente con dell’alcol denaturato l’area in cui si andrà ad operare;
  • Munirsi di un paio di pinzette dalla punta sottile, uno strumento apposito che si trova facilmente nei negozi di prodotti per animali;
  • Impugnare la pinzetta, afferrare la zecca nel punto più vicino alla cute dell’animale ed estrarla facendo ruotare la pinzetta in senso antiorario;
  • Tirare delicatamente finché il parassita non sarà completamente rimosso;
  • Controllare attentamente che non ci siano residui di zecca nella superficie epidermica dell’animale;
  • Monitorare l’area per qualche giorno per evitare possibili eritemi o chiazze circolari

Prevenzione contro le zecche: gli antiparassitari come cura e altri possibili rimedi

Un’alimentazione adeguata ricca di omega 3 per rafforzare il sistema immunitario dell’animale è solo il primo passo per la prevenzione contro le zecche. Ci sono diversi rimedi naturali (agrumi, aceto di mele, oli essenziali etc.) che possono essere impiegati, ma la cura più efficace è l’utilizzo di antiparassitari per cane o antiparassitari per gatto (che agiscono sul metabolismo dei parassiti interrompendone subito il ciclo vitale), disponibile in diverse formulazioni in base al principio attivo o al modo d’azione. Sono disponibili sul mercato infatti come:

  • Spot on, cioè sostanze dall’effetto repellente da applicare tra le scapole dell’amico a 4 zampe, avendo la massima cura di spostargli il pelo così da consentire ai principi attivi di penetrare sotto la cute raggiungendo il sangue. L’efficacia del prodotto è di circa 4 settimane;
  • Collari, ovvero delle stringhe in plastica impregnate di sostanze repellenti che tengono lontane le zecche;
  • Spray, da nebulizzare sul pelo dell’animale. Un prodotto che garantisce una protezione per almeno 4 settimane.

Se non sai quale sia il prodotto antiparassitario più indicato per il tuo amico a 4 zampe, rivolgiti al tuo veterinario di fiducia, giacché non tutte le formulazioni sono adeguate a tutte le tipologie di cani o gatti.

Contents.media
Ultima ora