×

Lele Adani, dopo l’addio a Sky quale sarà il suo futuro lavorativo? Le ipotesi e i nuovi progetti

Dopo l'addio a Sky, Lele Adani è già impegnato in nuovo un format del Social Club della Gazzetta dello Sport, ma per quale altra televisione lavorerà?

Lele Adani Sky

Dopo aver conquistato il cuore dei tifosi, Lele Adani, ex calciatore, è diventato una delle voci inconfondibili di Sky Sport. Il rapporto con l’azienda, tuttavia, sembra giunto al capolinea. Lo racconta lo stesso Adani, sfogandosi sui social. Tuttavia, il celebre opinionista è già impegnato in nuovi progetti: oltre alla collaborazione con la Gazzetta dello Sport, potrebbe entrare a far parte del team di altre emittenti televisive? A distanza di due settimane dall’annuncio di Adani, sul web le ipotesi si susseguono.

Lele Adani lascia Sky

Dopo quasi 10 anni di collaborazione, Adani non farà più parte del team Sky, almeno per il momento. La decisione pare sia stata presa dal direttore della linea editoriale.

In un post pubblicato sul suo profilo Instagram, Daniele Adani ha dato la notizia ai molti follower, raccontando retroscena e ringraziando chi lo ha accompagnato nel percorso.

Lele Adani, dopo Sky quale sarà il futuro lavorativo dell’opinionista?

Molti fan di Adani proprio non se lo aspettavano. Invece, l’ex calciatore di Inter, Brescia e Fiorentina lascia Sky e si prepara a nuovi progetti e ad arricchire il suo percorso.

In diretta, impegnato nella telecronaca della semifinale di Euro 2020 Inghilterra-Danimarca, ha dato la notizia ai telespettatori, sorprendendo anche il suo compagno di telecronaca, Riccardo Trevisani.

“Bello Riccardo, commentare con te il mio ultimo grande evento Sky Sport”, aveva detto.

A distanza di due settimane dall’annuncio, in molti si chiedono quali saranno i prossimi progetti lavorativi di Lele Adani. Ora l’ex calciatore rientra nel “calciomercato” dei commentatori tv. Dopo essersi accaparrata i diritti per trasmettere tutto il campionato di Serie A, Adani potrebbe approdare a Dazn. Non si esclude neppure una nuova sorprendente collaborazione con Amazon Prime, che seguirà la Champions League.

Altri tifosi, invece, sperano arrivi a Mediaset. Alcune di queste aziende para lo abbiano già cercato, nonostante successivamente siano arrivate voci di smentita. Si vocifera persino che l’ingaggio per accaparrarsi il famoso calciatore sia pari a mezzo milione di euro a stagione.

Intanto Adani è impegnato in una collaborazione social con la Gazzetta dello Sport, che non si esclude possa affidargli una rubrica settimanale sulla Rosea da agosto.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Daniele Adani (@leleadani)

Prosegue alla grande anche la Bobo Tv, della quale Adani è punto fermo e leader tecnico. Vieri ha già affittato per la prossima stagione degli studi televisivi a Milano, organizzando un vero e proprio format professionale. L’obiettivo è aumentare i grandi ascolti già ottenuti su Twitch.

Non mancheranno i grandi ospiti, tra i quali il Fenomeno Ronaldo, Gigi Buffon e Paolo Maldini. Lele Adani, amico di Vieri, potrebbe entrare a far parte del gruppo anche per la prossima stagione?

Lele Adani dice addio a Sky: cos’è successo

“Non farò parte di Sky Sport nella prossima stagione”. Lo dice senza troppi giri di parole: così Lele Adani su Instagram ha spiegato di non fare più parte del gruppo Sky.

Nella didascalia che accompagna la foto pubblicata, l’ex giocatore ha spiegato cos’è successo. “Mi è stato comunicato dal responsabile della linea editoriale. Giusto una telefonata. Preso atto della scelta (“scelta mia”, parole sue). Tutto legittimo e ognuno risponde alla sua coscienza, ha fatto sapere.

Dopo aver reso noto l’addio a Sky, che pare sia avvenuto non per sua volontà e semplicemente con una telefonata, Adani nel suo post ha scritto: “Mi preme, per questi nove anni, dare un abbraccio sincero a tutti quelli che ho conosciuto, incontrato e con i quali ho collaborato, ma soprattutto a coloro che lavorano nel silenzio e nell’ombra, a volte menzionati nei titoli di coda delle trasmissioni e non sempre chiamati col loro nome nei corridoi delle redazioni”.

Quindi ha aggiunto: Credo da sempre nella forza dei tanti e nel lavoro di squadra, che ho sempre cercato di difendere ed elevare nella cura della preparazione. Ho vissuto lo spogliatoio per molti anni, so del valore fondamentale del rispetto e della sincerità per essere credibili all’interno di un gruppo e poi fuori, con le persone che ci seguono. Non negozierò mai su valori e libertà, mai. Ho scelto e scelgo questo lavoro, che ho messo davanti ad altre proposte professionali, e credo in quello che faccio e nel suo scopo: raccontare la complessità e la magia del calcio con rispetto e pensando che la vera differenza si faccia nel contenuto, particella fondamentale della comunicazione”.

Poi ha sottolineato: “Gli appassionati, la gente, elemento imprescindibile di tutto il movimento calcistico, coloro che questo sport lo sostengono, nei fatti, devono essere rispettati con professionalità e passione. Ogni minuto in onda deve restituire alle persone queste componenti, non altro. Avvicinare il calcio alla gente è sempre stato il mio obiettivo. Continuerò a farlo, credendo nella nobiltà dei mezzi utilizzati. Un abbraccio a tutti. Ci vediamo, nel percorso”.

Contents.media
Ultima ora