×

Pamela Perricciolo: “Mark Caltagirone sono io. Adesso scappo a Zanzibar”

Condividi su Facebook

Il personaggio dell'anno, Mark Caltagirone è un'invenzione di tre donne. Dietro la sua identità, però, si cela soltanto Pamela Prati

Eliana Michelazzo Pamela Perricciolo

Pamela Perricciolo si confessa a Selvaggia Lucarelli: su Il Fatto Quotidiano racconta la verità riguardo l’identità di Mark Caltagirone. Prima di dire la verità, però, la donna ha cercato di nascondere di nuovo la storia alle telecamere. Ma non è riuscita a trattenersi.

Mark Caltagirone è un invenzione.

Il racconto di Pamela Perricciolo

Pamela Perricciolo ha raccontato l’identità che si cela dietro Mark Caltagirone: Marco, un suo cliente del ristorante sarebbe il vero protagonista della vicenda di Pamela Prati. Lei stessa ammette: “C’è un Marco che veniva al mio ristorante, forse era lui. Pamela Prati raccontava anche a me che Caltagirone esisteva: ho suoi messaggi in cui mi dice che è sul divano accanto a lui.

Chi aveva la password del profilo di Mark Caltagirone? Pamela Prati”. Ma la verità è emersa subito dopo: Mark Caltagirone non esiste e la sua identità è costruita. Dietro il falso imprenditore si nasconde proprio Pamela Prati, la donna che ha messo architettato tutta la vicenda. D’altronde, lei stessa aveva già ammesso la verità a Barbara D’Urso non molti gionri fa.

L’intervento di Selvaggia Lucarelli

Selvaggia Lucarelli, accortasi delle discrepanze tra i racconti emersi fino a quel momento dalle tre donne, invita a confessare la verità.

Questo è quello che ottiene da Donna Pamela: “Come ne devo uscire? Cosa dico? Che lo abbiamo inventato noi tre? Secondo te dovrei dire questo? Pensa che figura di mer*a. Io per fortuna me ne sto andando a Zanzibar, apro un resort. Sì. E’ andata come dici te. Però un Marco al ristorante è venuto. Abbiamo creato il personaggio dell’anno: c’è il gusto del gelato Caltagirone, le magliette, all’autogrill le signore mi offrono il caffè e mi chiedono se la Prati si sposa”.

Pamela Perricciolo ammette che la storia è riuscita ad andare avanti per arricchire la donna: più riusciva a guadagnare e più allontanava l’idea di dire la verità. Infatti, Donna Pamela rivela: “Eliana prende 7000 euro a puntata dalla D’Urso, io non voglio nè soldi nè la tv. Pamela ha dei debiti, il cachet di Domenica in le è stato pignorato”. Mark Caltagirone è un’invenzione delle tre donne, ma Pamela Prati aveva più volte dichiarato alle complici di essere seduta sul divano accanto a lui e di ricevere messaggi proprio dal suo amato.

Ognuna delle tre, però, ha il suo peso nella vicenda: “Tutte e tre abbiamo delle responsabilità in questa storia, la password dell’account di Mark Caltagirone la ha Pamela Prati, Simone Coppi è un fake inventato tanti anni fa, gestito anche dalla Michelazzo“.

Pulirsi la coscienza

Poi Donna Pamela continua: “Farò un comunicato. […] Io dico che abbiamo cazzeggiato con le password, ma le altre non lo diranno mai. E’ la verità più o meno. E’ stato tutto un gioco, tanto che abbiamo firmato quel documento per non confessarlo. Inutile ora andare in tv a fare le vittime. L’ho detto ad Eliana: ma pensi di ripulirti?”.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.