×

Patrick Zaky libero: “Grazie a chi mi ha sostenuto, avete tenuto accesa la luce”

Un ringraziamento a chi ha lottato per il suo rilascio e le modalità con cui è avvenuto: il racconto di Patrick Zaky a poche ore dalla scarcerazione.

patrick zaky

Dopo aver trascorso 22 mesi in un carcere egiziano, Patrick Zaky è potuto tornare nella sua casa d’infanzia di Mansoura insieme alla sorella Marise, alla fidanzata e a mamma Hala, che lo hanno atteso fuori dal commissariato di polizia dopo il rilascio, e a papà George.

In un’intervista al Corriere della Sera ha ringraziato quanti hanno manifestato e protestato per la sua scarcerazione.

Patrick Zaky libero

Il giovane ha spiegato che le autorità non gli avevano annunciato che lo avrebbero rilasciato. All’improvviso lo hanno portato al commissariato e hanno iniziato a prendergli le impronte. “Non capivo cosa stesse succedendo, non c’erano segnali che mi stessero per scarcerare“, ha aggiunto. Ma poi ha capito che c’era una speranza, “la cosa più difficile da tenere in vita quando ti tolgono la libertà“.

La prima cosa che ha detto alle donne della sua famiglia che ha visto fuori dal Commissariato è stata “Grazie, va tutto bene“: una delle cose che più fa soffrire in carcere, ha continuato, è il pensiero del dolore che si provoca alle persone a cui si vuole bene. “Io devo solo dire grazie, grazie all’Italia per essere stata vicina a me e alla mia famiglia e grazie a tutti quelli che hanno tenuto accesa la luce“, ha affermato.

Patrick Zaky libero: “Voglio incontrare la Segre”

Vedere in aula i rappresentanti diplomatici italiani durante le udienze, ha sottolineato, gli ha dato forza così come sapere delle decine di manifestazioni e proteste per il suo rilascio di cui aveva notizia durante le visite.

Zaky non ha mancato di ringraziare anche Liliana Segre, che ha votato per la richiesta di cittadinanza dicendo di essere idealmente come sua nonna: “Mi ha riempito di orgoglio sapere che una persona del suo livello e della sua statura morale si sia interessata a me, voglio conoscerla assolutamente“.

Contents.media
Ultima ora